Archivi tag: Strage

Non vi salverete solo perché siete italiani

La mattina di sabato 3 febbraio 2018 un uomo di Tolentino raggiunge Macerata, percorre in auto una via cittadina e spara dal mezzo in corsa. Colpisce sei persone non italiane. All’inizio non si sapeva nemmeno se fossero uomini o donne, si sapeva solo che erano neri. Piano piano arrivano anche i nomi delle vittime: Gideon Azeke, 25 anni, incensurato; Jennifer Odion, 29 anni, incensurata; Mahamadou Toure, 28 anni, incensurato; Wilson Kofi, 20 anni, incensurato; Omar Fadera, 23 anni, incensurato; Festus Omagbon, 32 anni, incensurato.

Per l’omicidio di Pamela Mastropietro, italiana, è indagato Innocent Oseghale, nigeriano, spacciatore. Per la tentata uccisione di sei persone, africane, è reo confesso Luca Traini, italiano, neofascista. Sono coetanei, reclusi nello stesso carcere. E ora guardate le facce delle vittime. Sono ragazzi. Tutti meritano la stessa giustizia, la stessa solidarietà, la stessa compassione. L’unica vera differenza è tra vittime e criminali.

Chi giustifica politicamente Traini non sta difendendo gli italiani, sta difendendo un tizio che colpisce le persone di altra nazionalità così come colpisce gli italiani. Nella sparatoria di Macerata, Traini ha esploso i colpi da un’auto in corsa. Ha ferito sei persone di nazionalità non italiana. Ma dalle immagini dei TG si vede che i colpi hanno perforato le vetrine di negozi italiani. Attività che potrebbero essere le vostre. I bambini italiani sono stati tenuti dentro le scuole perché correvano il pericolo di essere colpiti. Bambini che potrebbero essere i vostri. Questo significa che il razzismo e l’intolleranza divorano tutti, senza distinzioni. Non illudetevi, non vi salverete solo perché siete italiani.

In un sistema sociale razzista, se avete fortuna, potete schiacciare tutti quelli che non sono come voi. Se invece siete sfortunati, sarete voi ad essere schiacciati da quelli che comandano. In un sistema sociale razzista non potete essere sicuri di finire nel gruppo dei vincitori. In un sistema sociale razzista verreste indagati per capire se siete troppo scuri o troppo chiari per essere italiani, si  controllerebbe da quante generazioni lo siete, vi verrebbe chiesto se siete utili alla società o se siete un peso. In un sistema sociale razzista nessuno di voi sarebbe al sicuro: in qualsiasi momento potreste essere ritenuti non abbastanza puri. In un sistema sociale razzista nessuno di voi − seppur italiani, bianchi, occidentali − potrebbe dirsi veramente salvo. Le persone perseguitate dal nazismo e dal fascismo erano tedesche, italiane, polacche, francesi, austriache da generazioni. Il razzismo è l’inganno estremo perché prima o poi, in un modo o nell’altro, tradisce sempre chi afferma di voler difendere. Il razzismo è fedele solo a chi ne fa le regole e ne detta le leggi. Ma quelli è praticamente certo che non sarete voi.

Chi sono i sei feriti

Annunci

Il 37: Bologna 2 agosto 1980

Ormai è stato detto tutto sul 2 agosto. Eppure non c’è ancora chiarezza. Io lo ricordo e basta. Ogni anno un pezzo nuovo. Agide Melloni, autista di bus usò il mezzo che guidava, il 37, per raccogliere i morti. Si liberavano le ambulanze per i feriti. Dopo pochi viaggi vennero messi lenzuoli bianchi ai finestrini per rispetto ai morti. In una intervista il signor Melloni ha detto: «Davanti a una tragedia del genere hai due possibilità: o ti tiri indietro o fai quello che puoi. E io ho fatto il mio mestiere».

 

Testimonianza di Algide Melloni

Strage di Bologna, l’autista Melloni e la storia del suo 37

“T’ho incrociata alla stazione / che inseguivi il tuo profumo / presa in trappola da un tailleur grigio fumo / i giornali in una mano e nell’altra il tuo destino / camminavi fianco a fianco al tuo assassino”.

Fiaccolata in memoria delle vittime della strage di Orlando – Lucca, 15 giugno 2016

La licenza è creative commons: l’associazione Lucca Aut, organizzatrice dell’evento può usare tranquillamente le immagini e i video. I media e le associazioni devono citare obbligatoriamente la fonte.

 

Lettera di una ragazza musulmana indirizzata a LuccAut (Orlando 3)

Fiaccolata in memoria delle vittime della strage di Orlando – Lucca, 15 giugno 2016