Archivi tag: Lucca

Bullismo: parlarne sì ma seriamente

Quello leggerete qui è il risultato di una sfida. Non troverete impressioni individuali ma solo dati statistici e opinioni di persone professionalmente coinvolte dal tema del bullismo: psicologi, psichiatri, psicoterapeuti, educatori.

Io che scrivo non sono professionalmente qualificata in questo ambito: sono un’umanista stanca di una situazione in cui hanno preso la parola tutti – anche quelli che non avevano niente da dire – mentre gli unici che sono in grado di dire qualcosa di qualificato non sono stati ascoltati o nel migliore dei casi hanno ottenuto spazi risicati. Io non mi accontento più di un commento generalista per questo sono andata alla ricerca di letture utili, in una sorta di esperimento condiviso attuato attraverso il mio blog. Peraltro è un esperimento in evoluzione dunque incoraggio i lettori a lasciare altre eventuali indicazioni nei commenti.

Ruminatiolaica è un piccolo blog ma grazie all’aiuto dei miei contatti social sto provando a mettere insieme una rassegna che entri più addentro al problema e lo faccia in modo appropriato. Perché quella del bullismo non è una questione da opinionisti tuttologi ma ha implicazioni talmente profonde da sviluppare conseguenze a lungo termine che ci riguardano tutti.

Una volta tanto, invece di intervistare il personaggio mediatico di turno, si potrebbe dare la priorità a una/o psicoterapeuta, se non altro per avere un punto di vista che esuli dai luoghi comuni e dalle impressioni individuali. Se il problema del bullismo è sentito in modo così urgente sarebbe opportuno privilegiare opinioni qualificate. E visto che per ora non viene fatto proviamo a farlo noi, senza alcuna pretesa di esaustività.

Di seguito riporterò articoli e interviste che mi sono state segnalate da persone che lavorano nell’ambito di competenza della psicologia, della psicoterapia e dell’educazione.

Dati statistici, Fonte CENSIS

«Processi formativi» del 50° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese/2016

Roma, 2 dicembre 2016 – Bullismo e cyberbullismo, fenomeni diffusi nella parziale consapevolezza di giovani e famiglie. Il 52,7% degli 11-17enni nel corso dell’anno ha subito comportamenti offensivi, non riguardosi o violenti da parte dei coetanei. La percentuale sale al 55,6% tra le femmine e al 53,3% tra i ragazzi più giovani, di 11-13 anni. Quasi un ragazzo su cinque (19,8%) è oggetto di questo tipo di soprusi almeno una volta al mese, eventualità più ricorrente tra i giovanissimi (22,5%). Su internet sono le ragazze a essere oggetto in misura maggiore degli attacchi dei coetanei cybernauti (24,9%). Il 47,5% degli oltre 1.800 dirigenti scolastici interpellati dal Censis indica i luoghi di aggregazione giovanile come quelli in cui si verificano più frequentemente episodi di bullismo, poi il tragitto casa-scuola (34,6%) e le scuole (24,4%). Ma è in internet che il bullismo trova ormai terreno fertile, secondo il 76,6%. Nel corso della propria carriera il 75,8% dei dirigenti scolastici si è trovato a gestire più casi di bullismo: il 65,1% di bullismo tradizionale e il 52,8% di cyberbullismo. Per l’80,7% dei dirigenti, quando i loro figli sono coinvolti in episodi di bullismo, i genitori tendono a minimizzare, qualificandoli come scherzi tra ragazzi, e solo l’11,8% segnala atteggiamenti collaborativi da parte delle famiglie, attraverso la richiesta di aiuto della scuola e degli insegnanti. Il 51,8% dei dirigenti ha organizzato incontri sulle insidie di internet con i genitori, avvalendosi prevalentemente del supporto delle Forze dell’ordine (69,4%) e di psicologi o operatori delle Asl (49,9%). All’attivismo delle scuole non ha corrisposto però un’equivalente partecipazione delle famiglie, che è stata bassa nel 58,9% dei casi, media nel 36% e alta solo in un marginale 5,2% di scuole.

L’iniezione digitale nella scuola italiana. Il Piano nazionale scuola digitale (Pnsd) sta entrando nel suo secondo anno di operatività, ma emergono alcune criticità. Il principale rischio, segnalato dal 77,2% dei 1.221 dirigenti scolastici interpellati nell’ambito di una indagine Hewlett-Packard-Censis, è quello di un’offerta formativa inadeguata o insufficiente. Al secondo posto (70,9%) si colloca il rischio che l’entusiasmo tecnologico metta in ombra la rivisitazione dei modelli pedagogici, ovvero che le tecnologie siano utilizzate nelle scuole con un approccio didattico tradizionale. Quasi la metà dei dirigenti (47,6%) esprime il dubbio che il Piano accentuerà le disparità tra le scuole «forti», con esperienze pregresse, buona dotazione tecnologica e docenti formati all’uso delle nuove tecnologie, e le scuole che si affacciano ora al mondo digitale. Il 40% dei dirigenti delle scuole del Mezzogiorno fa riferimento a una «scuola digitale a due velocità».

La capacità inclusiva dell’Iefp degli allievi con disabilità. Il sistema dell’istruzione e formazione professionale (Iefp) si rivolge ai giovani che per l’assolvimento dell’obbligo d’istruzione-diritto/dovere all’istruzione e alla formazione optano per percorsi di breve durata e professionalizzanti. In soli tre anni, a partire dal 2011-2012 gli iscritti al triennio sono cresciuti del 56,5%, e nel 2013-2014 sono in totale 316.000. Tra il 2012 e il 2014 gli iscritti con disabilità ai percorsi triennali risultano essere tendenzialmente in crescita, essendo passati dai 14.340 del 2012-2013 ai 17.117 del 2014-2015. Cresce anche la loro incidenza sul totale degli iscritti, passata dal 5,2% al 6,5%: valori significativamente più elevati di quelli rilevabili nel primo triennio di scuola superiore, dove nel 2012-2013 e nel 2013-2014 la presenza di alunni con disabilità è stata pari rispettivamente al 2,1% e al 2,2%. Sono i corsi per operatore della ristorazione quelli che riscuotono il maggiore gradimento (32%), seguiti a distanza da quelli per operatore del benessere (8,8%) e operatore amministrativo-segretariale (7,1%). Sono soprattutto le istituzioni formative ad accogliere questa tipologia di allievi (7,5% degli iscritti), mentre nei percorsi Iefp attivati nelle scuole la quota si attesta al 6%. Le istituzioni formative svolgono nei confronti dei disabili una preziosa funzione di inclusione. Ma l’approccio formativo serve anche per l’acquisizione di competenze di base e specialistiche in grado di fornire professionalizzazione e occupabilità.

L’attrattività dell’Alta formazione artistica e musicale, nonostante l’attesa della riforma. Successo per l’Alta formazione artistica, musicale e coreutica (Afam): considerando sia i corsi pre-accademici, sia i corsi di livello terziario, si è passati dai 54.984 iscritti del 1999-2000 agli 87.003 del 2015-2016 (+58,2%). Un incremento conseguente all’attivazione dei corsi accademici riformati: tra il 2008-2009 e il 2015-2016 gli iscritti a corsi di livello terziario sono passati da 48.281 a 63.054 (+56,5%). Un’attrattività esercitata anche in ambito internazionale, grazie alla tradizione e al prestigio delle discipline artistiche in Italia. Per la sola fascia accademica, gli stranieri iscritti sono 10.710 nell’a.a. 2015-2016, con un incremento del 10,7% sull’anno precedente e un peso sul totale degli iscritti del 17% (il corrispondente indicatore per il sistema universitario nell’insieme è pari al 4,3% nel 2014-2015). Le strutture più frequentate sono le Accademie di belle arti statali e non, con il 22,3% di stranieri iscritti ai corsi di I e II livello, pari al 70,3% degli stranieri che scelgono l’Italia per conseguire un titolo terziario in campo artistico-musicale. Secondo i dati del 2014-2015, gran parte del successo estero dell’offerta Afam dipende dal consistente flusso in ingresso di cinesi (circa il 52% del totale). Secondo i direttori Afam interpellati dal Censis, le principali criticità riguardano la mancata emanazione dei decreti attuativi della legge 508/99 (per l’84,5%), l’insufficienza dei fondi disponibili (59,2%) e le modalità di reclutamento obsolete e non meritocratiche (53,5%). Va garantita la possibilità di reclutare docenti di prestigio (per il 70,7%), rafforzato il collegamento con il mondo del lavoro (68,3%), migliorati i servizi di accoglienza e diritto allo studio (63,4%). Per i direttori delle Accademie di belle arti è urgente avviare i dottorati di ricerca, completando l’offerta formativa e sviluppando le attività di ricerca (68,8%). Il 56,3% di loro vedrebbe con favore lo sviluppo di un’offerta di corsi a pagamento per gli stranieri interessati.

I ridotti sbocchi professionali, principale causa di insoddisfazione delle scelte universitarie. La ridotta attrattività dell’istruzione universitaria è ormai un fenomeno di lungo periodo. Il cambio di segno delle immatricolazioni nell’anno accademico 2014-2015 (+1,1% sull’anno precedente) fa sperare in una inversione di tendenza. A quattro anni dal conseguimento del titolo, il 68,4% dei laureati ha indicato l’interesse disciplinare quale principale motivo per la scelta del percorso universitario intrapreso, seguito a distanza dalla convinzione che l’immatricolazione al corso di laurea preferito garantiva buone prospettive lavorative (16,3%). Tuttavia, il 32,4% oggi non si riscriverebbe allo stesso corso. Circa il 20% di chi disconosce la scelta fatta individua la causa nella maturazione di nuovi interessi, ma quasi il 60% è insoddisfatto per gli sbocchi professionali della laurea conseguita (e il livello di insoddisfazione è superiore di oltre 8 punti percentuali tra le laureate rispetto ai colleghi maschi). La scelta universitaria, anche se causa di qualche rimpianto, resta pur sempre un’esperienza positiva per i più. L’86,1% di chi non si iscriverebbe di nuovo al corso di studi prescelto dichiara, nonostante tutto, di volersi riscrivere.


Dati statistici, Fonte ISTAT

Comportamenti offensivi e violenti tra i giovanissimi: Bullismo

Nel 2014, poco più del 50% degli 11-17enni ha subìto qualche episodio offensivo, non rispettoso e/o violento da parte di altri ragazzi o ragazze nei 12 mesi precedenti. Il 19,8% è vittima assidua di una delle “tipiche” azioni di bullismo, cioè le subisce più volte al mese. Per il 9,1% gli atti di prepotenza si ripetono con cadenza settimanale.

Hanno subìto ripetutamente comportamenti offensivi, non rispettosi e/o violenti più i ragazzi 11-13enni (22,5%) che gli adolescenti 14-17enni (17,9%); più le femmine (20,9%) che i maschi (18,8%). Tra gli studenti delle superiori, i liceali sono in testa (19,4%); seguono gli studenti degli istituti professionali (18,1%) e quelli degli istituti tecnici (16%).

Le vittime assidue di soprusi raggiungono il 23% degli 11-17enni nel Nord del paese. Considerando anche le azioni avvenute sporadicamente (qualche volta nell’anno), sono oltre il 57% i giovanissimi oggetto di prepotenze residenti al Nord.

Tra i ragazzi utilizzatori di cellulare e/o Internet, il 5,9% denuncia di avere subìto ripetutamente azioni vessatorie tramite sms, e-mail, chat o sui social network. Le ragazze sono più di frequente vittime di Cyber bullismo (7,1% contro il 4,6% dei ragazzi).

Le prepotenze più comuni consistono in offese con brutti soprannomi, parolacce o insulti (12,1%), derisione per l’aspetto fisico e/o il modo di parlare (6,3%), diffamazione (5,1%), esclusione per le proprie opinioni (4,7%), aggressioni con spintoni, botte, calci e pugni (3,8%).

Il 16,9% degli 11-17enni è rimasto vittima di atti di bullismo diretto, caratterizzato da una relazione vis a vis tra la vittima e bullo e il 10,8% di azioni indirette, prive di contatti fisici. Tra le ragazze è minima la differenza tra prepotenze di tipo “diretto” e “indiretto” (rispettivamente 16,7% e 14%). Al contrario, tra i maschi le forme dirette (17%) sono più del doppio di quelle indirette (7,7%)


 

 Contributi

Sergio Astori, Narcisisti di oggi (e di domani?)  

Sergio Astori, Psichiatra e docente presso la Facoltà di Psicologia dell’Università Cattolica di Milano

Narciso sta prendendo il posto di Edipo nelle menti e nei cuori dei nostri giovani? Incuriosisce che «per dirsi qualche cosa» i ragazzi degli anni Sessanta, secondo il ritornello composto da Franco Migliacci (1963), dovessero «farsi mandare dalla mamma a prendere il latte», mentre quelli di oggi «per comandare» debbano andare «in tangenziale» (Fabio Rovazzi, Daniele “Danti” Lazzarin, 2016). I “nati nel nuovo millennio” sono descritti dai mass media come autoreferenziali, poco motivati, impacciati nel confronto con mamme ipercinetiche e padri latitanti: i cosiddetti Papà-Pig, perché il padre di Peppa Pig non sa fare quasi nulla e la famiglia lo dimentica anche al picnic. Nella rappresentazione popolare sembrano giovani orfani di genitori, consolabili solo col piacere chimico. «I tuoi genitori ti han sbattuto fuori, ti chiamo hai la batteria scarica, fatti ogni singola droga, per asciugarti ogni singola lacrima» rappa Gué Pequeno (2013). Sono davvero così fragili i pronipoti di Gianni Morandi? Sui mezzi pubblici incrocio gruppi di studenti che sanno alternare la commozione per il film Disney visto la sera prima a risatine maliziose su quanto “tira la foto di un tipo” sui social. 

Leggere l’articolo

 

Patrizia Fistesmaire, La tensione della cosa pubblica*

* l’articolo in versione integrale è stato concesso dall’autrice a questo blog

Patrizia Fistesmaire, Dirigente Psicologa e Psicoterapeuta Responsabile del Consultorio della Zona Piana di Lucca

L’episodio di Lucca è un evento triste perché mette tutti gli adulti di fronte ad un’inquietudine esistenziale ove si tende a porsi nei panni del professore più che del giovane. Non siamo di fronte ad un conflitto generazionale ma ad un atto che segue una logica differente dalla contestazione e dalla lotta tra il giovane e l’adulto, tra lo studente e la scuola, per l’affermazione di sé e di diritti considerati dei principi per cui cercare uno scontro. Preoccupa la modalità di aggressione, non soltanto l’aggressione in sé. L’umiliazione e la spettacolarizzazione di questa (…). Immortalare un’immagine e diffonderla significa dargli una vita propria che spesso sfugge sia all’intenzione che alla consapevolezza di chi lo ha fatto. Ma gli adolescenti di oggi hanno nuovi bisogni rispetto al passato poiché sono figli di una società notevolmente mutata.

Leggere l’articolo

 

Ma première pensée a été de me demander si la violence chez l’enfant était un symptôme. C’est souvent ma méthode – partir de la première idée qui me vient en tête, sans juger si elle est bonne ou mauvaise. C’est un principe qui peut s’autoriser de la psychanalyse (…). Mon point de départ a donc été de me demander si la violence chez l’enfant était un symptôme, et pourquoi. Car qui dit symptôme en psychanalyse dit déplacement de la pulsion, ou du moins, dans les termes freudiens, substitution d’une satisfaction de la pulsion – ce qui, en lacanien, peut se traduire par jouissance (…). Voilà la question que je me suis posée : l’émergence de la violence, n’est-ce pas le témoignage qu’il n’y a pas eu de substitution de jouissance ?

Leggere l’articolo

 Con il bullismo abbiamo sempre usato l’approccio sbagliato?

Il Post

La strategia di Pikas si chiama “metodo dell’interesse condiviso” e oltre ad essere applicato nei paesi scandinavi da circa trent’anni viene utilizzato in via sperimentale in alcuni paesi francofoni come Francia, Belgio e Svizzera, e anche in Australia. Due ricercatori australiani hanno condotto un’indagine su questo metodo dimostrando nel 2010 che, ovunque sia stato messo in pratica, ha raggiunto ottimi risultati. Il metodo parte dal presupposto che le molestie e il bullismo siano un fenomeno di gruppo: ci sono studenti il ​​cui coinvolgimento è maggiore, altri che partecipano in modo indiretto (ad esempio ridendo) e poi c’è il resto della classe che resta a guardare.

Leggere l’articolo

Leggere l’articolo originale

Bullismo: genitori, che fate?

intervista a Gustavo Pietropolli Charmet, psichiatra e direttore del consultorio sull’adolescenza dell’istituto “Minotauro”.

Altroconsumo

Il bullismo è un fenomeno sottostimato, come risulta nella nostra inchiesta?

Ė poco conosciuto nella sua definizione specifica, c’è invece una banalizzazione del significato della parola bullismo: di solito i genitori lo riferiscono genericamente a dispetti e prevaricazioni o a normali difficoltà che i figli possono incontrare in età scolastica.

Leggere l’articolo

 


Ersilia Menesini è Professoressa Ordinaria di Psicologia dello sviluppo presso l’Università degli Studi di Firenze. Nel monografico estivo di Psicologia e scuola (luglio/agosto 2015) Il bullismo a scuola. Come prevenirlo, come intervenire si rivolge agli insegnanti, agli psicologi scolastici, ad altri professionisti che lavorano in collaborazione con la scuola e ai genitori.

Il libro nasce per dare una visione più completa e aggiornata del fenomeno bullismo, descrivere e approfondire alcune strategie per la prevenzione e il contrasto del problema e offrire strumenti utili per intervenire in modo efficace.

 

 


Le  letture

 Se i genitori sono degli eterni adolescenti come fanno i ragazzi a crescere? Come si può aiutare un figlio se si preferisce il ruolo di madri-sorelle o padri-fratelli? Nel corso degli ultimi cinquant’anni siamo passati da una generazione di genitori autoritari a una generazione di genitori deboli. Ma la soluzione non è tornare indietro. Secondo Ammaniti è necessario cambiare marcia, non confondere l’autorità con l’autoritarismo. Non si tratta di ricreare vecchie barriere, ma di capire che la separazione serve a salvaguardare le differenze che caratterizzano ogni essere umano. Leggere l’anteprima
 I servizi di psichiatria vedono crescere il numero di giovani che accusano forme di disagio psichico. Un fatto allarmante, che più che il segnale di un aumento delle patologie, è il sintomo di un malessere generale che permea la società. Un fenomeno che costringe a interrogarci su che cosa si basi la nostra società, su quali siano le cause delle paure che ci portano a rinchiuderci in noi stessi. I problemi dei più giovani sono il segno visibile della crisi della cultura occidentale fondata sulla promessa del futuro come redenzione laica. Si continua a educarli come se questa crisi non ci fosse, ma la fede nel progresso è sostituita dal futuro cupo, dalla brutalità che identifica la libertà con il dominio di sé, del proprio ambiente, degli altri.
 Après l’enfance, c’est le temps des métamorphoses. Après l’enfance, il faut trouver de nouveaux mots, de nouvelles façons de dire, d’écrire – sur les murs, sur le corps parfois – pour faire trace de sa présence. Ou bien effacer toute trace de ce corps en trop. Après l’enfance, on s’affronte à des terreurs insoupçonnées, à des attraits naissants, et il n’y a pas de mode d’emploi qui dise comment faire. Alors, on s’avance à plusieurs, en bande ou avec la meilleure copine. D’autres appuis se proposent, combien plus périlleux et radicaux parfois.  Après l’enfance, nous ne pouvons plus nous contenter de tendre aux jeunes gens et aux jeunes filles déboussolés le miroir d’une adolescence qui ne reflète que nos rêves ou nos peurs – de parents, d’adultes, de citoyens.
Annunci

Bullismo e media

Spiega un giornale che all’ITC Carrara di Lucca è assalto dei media. Da giorni le telecamere rincorrono anche il professore che è stato aggredito. Lui ha chiesto qualche permesso per assentarsi. «Oggi le troupe de Le Iene e quelle di Domenica Live si sono presentate a scuola per cercare di parlare con preside, docenti e ragazzi».

Cari operatori dei media, vi dico bravi. Bravi perché date sempre più visibilità mediatica all’ITC Carrara di Lucca, la scuola del professore bullizzato. Non preoccupatevi delle conseguenze, non ponetevi limiti: andateci con la troupe de Le iene e con quella della D’Urso, andateci con i telegiornali, gonfiate ancora di più questo grande baraccone che avete costruito.

Al posto degli animali ammaestrati metteteci gli studenti che bestemmiano con il casco in testa. Fate in modo che questi ragazzi si rivedano in televisione più e più volte. Fate in modo che li vedano tutti e che i bulli ottengano quella visibilità che cercavano. Anzi dategli una medaglia per le impennate di share che vi fanno ottenere. Fate in modo che li vedano anche i loro compagni e gli studenti delle altre scuole di ogni ordine e grado.

Così impareranno una volta per tutte che se vogliono avere visibilità garantita il modo migliore è quello di essere arroganti, irrispettosi e aggressivi. Applausi: state costruendo la prossima generazione di bulli.

http://m.iltirreno.gelocal.it/regione/toscana/2018/04/24/news/prof-aggredito-parla-il-bullo-succedeva-tutti-i-giorni-ora-paura-delle-minacce-video-1.16752812

Professore si inginocchi

Un professore dell’istituto tecnico Carrara di Lucca è stato aggredito da uno studente con queste parole: “Prof non mi faccia incazzare, non mi faccia incazzare. Mi metta sei, lei non ha capito nulla, chi è che comanda? Chi è che comanda? Si inginocchi!”.

La notizia è diventata virale dopo la diffusione in rete e un pubblico enorme si è sentito chiamato in causa. Tantissime persone hanno condiviso il video scandalizzate e hanno commentato nei modi più disparati arrivando ad assumere atteggiamenti molto aggressivi. Il che è curioso considerando che stavano proprio stigmatizzando un comportamento aggressivo.

I commentatori hanno dato la colpa dell’accaduto a questo o a quello secondo un’interpretazione del tutto aleatoria: ai genitori, agli insegnanti, alla famiglia, alla scuola, all’assessore, alla televisione, a internet, al lassismo. Un giornale locale ha dato la notizia che il professore si è realmente inginocchiato di fronte al ragazzo, cosa che non risulta da alcuna testimonianza e tanto meno dal video. 

Tutto ciò mi sembra non solo sbagliato ma pericoloso perché rappresenta un approccio irrazionale al problema che allontana dalla questione centrale: capire cosa è successo. Abbiamo visto un minorenne urlare addosso al professore sessantenne e questa è l’evidenza dei fatti. Ma nessuno di noi sa come si sia potuta verificare quella situazione, cosa significhi, quali siano i precedenti, quale sia il contesto o se il ragazzo sia disturbato. 

Tutti noi abbiamo memoria di un compagno di classe intemperante o aggressivo. Il mio si chiamava Marcello, era mio amico, e menava a sangue un altro ragazzo per semplice antipatia. Nessuno riusciva a fargli cambiare idea. Lo picchiava ogni volta che poteva e quando li tennero lontani lui lo andava a cercare. La sua aggressività arrivò al punto che gli adulti lo dovevano fermare fisicamente. Marcello ruppe un dente al nostro maestro. Una volta si chiuse a chiave nell’aula minacciando di buttarsi dalla finestra del secondo piano. Poi fu cambiato di classe e fece cadere la veneziana sulla testa dell’altra maestra mandandola al pronto soccorso.

Quando si verificavano questi episodi noi bambini non sapevamo come reagire. Non avevamo la possibilità di fare video e non esistevano i social quindi non fu diffusa alcuna immagine. Nessuno parlò con i giornali, nemmeno quelli locali, e la cosa rimase interna alla scuola. Ci furono dei provvedimenti ma il caso non ebbe alcuna eco. Ne parlavamo solo noi ragazzini della scuola e i nostri genitori. Il che tutto sommato lasciava un certo margine di manovra agli educatori per fare il loro lavoro lontano dall’attenzione e dalla pressione mediatica. Il ragazzino bullizzato fu protetto adeguatamente, dell’altro non ricordo il destino.

Ragazzi violenti o disturbati sono sempre esistiti. Questo non rende il fatto meno grave ma ci dovrebbe insegnare a non scandalizzarsi dell’ovvio. Non  dovremmo concentrarci su “signora mia, questi giovani” ma sullo sforzo di capire cosa sta realmente succedendo. Si è abbassata la soglia del lecito? È probabile ma il fenomeno va studiato. Il ragazzo è disturbato? È una cosa che andrebbe indagata. Si sta diffondendo il bullismo? Sì ma l’indignazione non basta: c’è bisogno di numeri, di dati, di un approccio razionale al problema che non si basi sulla semplice percezione individuale.

Peraltro la questione della percezione non è affatto scontata e tantomeno secondaria. C’è stato un periodo in cui i media parlavano continuamente dei cani aggressivi. Poi è stata la volta dei sassi gettati dal cavalcavia e dopo si parlava solo delle crudeltà sugli animali. Filoni tematici che si sono imposti a ondate successive focalizzando tutta l’attenzione dei media, con l’effetto di una lente deformante. Anche in questo caso, da mesi ormai, siamo nel filone tematico della scuola contro le famiglie e delle famiglie contro la scuola.

In altre parole siamo continuamente esposti a un’informazione che mostra insistentemente casi di maestri violenti contro i bambini, di genitori violenti contro gli insegnanti, di allievi violenti contro i professori, di ragazzi violenti contro altri ragazzi. Sembra che se ne parli ma in realtà resta tutto superficiale e finora non si è riusciti a capire quale sia la reale dimensione del fenomeno. Non si riesce a misurarlo in termini quantitativi  e nemmeno in termini qualitativi 

L’unica cosa certa è che il fenomeno esiste ed è sicuramente degno di nota. Altrettanto certo è il fatto che non dovrebbe essere trattato come un qualsiasi filone sensazionalistico. Per gli studenti coinvolti sono previsti provvedimenti gravi da parte della scuola. Per di più uno dei video diffusi da loro stessi ha fatto partire le indagini di Digos e Polizia postale. In poche parole quei ragazzi sono in un grosso guaio.

Tutto comprensibile e legittimo, ma se la cosa finisce qui abbiamo solo tamponato un’urgenza senza affrontare il problema. E non abbiamo affrontato il problema perché abbiamo ascoltato tutti tranne le persone preposte a occuparsi delle difficoltà relazionali e comportamentali dei ragazzi. Dove sono gli psicologi della scuola? Dove sono gli psicoterapeuti? Qual è la loro interpretazione dell’accaduto? Tra tutte le opinioni la loro è una delle più importanti, sicuramente la più qualificata, ma finora non è mai stata ascoltata.

In tutta questa storia si sta dimenticando una cosa fondamentale: il docente e l’allievo sono esseri umani, persone di cui prendersi cura. Dovremmo smetterla, noi per primi, di speculare su eventi che non si conoscono, di cui non si conosce la diffusione. Dovremmo affrontare il fenomeno razionalmente in rapporto ai casi individuali, come quello di Lucca, ma anche in termini statistici. Il problema esiste, è ingombrante e va ben oltre l’indignazione collettiva del momento.

 

Prof aggredito in classe a Lucca, indagati quattro studenti dopo i video choc – Cronaca – il Tirreno

Bullismo, studenti Itc fra incredulità e condanna – Lucca in Diretta

Bullismo all’Itc Carrara, lo sdegno della politica – Lucca in Diretta

Minacce e offese al prof riprese in 4 video – Lucca in Diretta

Meglio senza guanti

In una vetrina della mia città è apparsa una maglietta con la scritta “Ti tratto con i guanti” e sotto il disegno di due guantoni da boxe pronti all’uso. Non appena la maglietta è stata fatta ritirare dalla vetrina sono fiorite le polemiche sulla libertà di espressione. E inconfondibile si è sentito lo stridìo delle unghie sui vetri di coloro che tentavano di spiegare che non è un contenuto violento. Tanto per chiarire, questi guanti da boxe non offrono gentilezze ma affermano: “Io ti tratto coi guanti”. Sono guanti da boxe che si trastullano con l’idea che “io ti meno” però “ti tratto coi guanti”. Il che, detto per inciso, denota pure uno scarso rispetto per la disciplina sportiva.

Tutto sommato le frasi a effetto come questa sono giochetti noti, non più originali dei piselli del David stampati sui grembiuli da cucina. Somigliano alle barzellette politicamente scorrette, quelle sui froci o sugli ebrei, quelle che se qualcuno le racconta in un gruppo di amici rimane un fatto privato ma se le declama sulla pubblica piazza − che piaccia o no − conferisce a quel contenuto un’approvazione.

La cosa che mi infastidisce, infatti, non è l’immagine della maglietta in sé ma il suo contesto pubblico e il continuo giocare con l’ambiguità di un messaggio che allude alla violenza ma al tempo stesso pretende di essere neutro. Ed è proprio in questo passaggio che si avverte più forte il rumore delle unghie che stridono sui vetri mentre tentano di arrampicarsi.

Il mio problema, insomma, non è per niente di tipo morale ma riguarda la semplice coerenza. Vogliamo mostrare? Mi sta benissimo: mostriamo. Ma finiamola con il giochino del muoversi sempre al limite dei significati. Dire e non dire, lanciare il sasso e ritirare la mano. Lo sappiamo come funziona e onestamente la cosa ha stancato da tempo. Io poi sono favorevole a far vedere, senza ipocrisie e falsi pudori. Usiamo dunque un manichino adeguato, che porti i segni dell’uso di quei guanti, e buttiamo alle ortiche quelle ridicole foglie di fico che anche stavolta vengono sventolate in nome di una libertà che non è libertà di espressione ma banale rivendicazione della doppiezza.

Acqua sul fuoco. Il femminicidio di Lucca

Lucca, 3 agosto 2016

Quello spazio vicino all’obitorio dell’ex ospedale di Lucca è un angolo che noi lucchesi conosciamo bene. È vicino al pronto soccorso, ci sono passata svariate volte con i legamenti incrinati o una colica in corso. È uno spazio triste ma familiare che ha visto pezzi importanti della mia vita. Andavo lì a fumare tutte le volte che ricoveravano mia madre dopo la diagnosi di cancro. Lì passeggiavo avanti e indietro cercando di assorbire la notizia della morte di un caro amico. Li ho pianto, abbracciato e bestemmiato. Perfino io che non bestemmio mai.

Lì una donna è stata data alle fiamme. Ha concesso fiducia una volta di troppo all’uomo che l’ha ingannata. Ha lottato per la propria vita ed è stata sconfitta. La prima cosa da fare è smettere di dire o anche solo di far intendere che lei potrebbe avere una co-responsabilità nell’evento. Non è lei che ha sbagliato: è lui che l’ha attirata in una trappola. Bisogna dire alle donne di non fidarsi dell’ultimo chiarimento, di non aver paura di passare per stronze. Perché è meglio una stronza viva di un’educata ragazza morta.

Dice il giornale che lei ha detto il nome del suo aggressore. Dice il giornale che ha chiesto di avvertire la sua famiglia. Perché era lucida, col 90% della pelle bruciata ma lucida. Dice il giornale che l’hanno soccorsa mentre gridava, mentre cercava di strapparsi i vestiti incendiati. I soccorritori ci hanno parlato e poi finalmente non è stata più presente a sé stessa perché l’hanno sedata. Stamani lei ha smesso di vivere.

C’era una tanica di liquido infiammabile, c’era una discussione in corso e quando le parole sono finite è stato il momento del fuoco. No, lui non è un mostro, è un essere umano, perfino un padre di famiglia, e questo non dobbiamo dimenticarlo mai. Non dobbiamo mai dimenticare che l’assassino è un uomo, non un alieno, non un animale: niente di diverso da quello che siamo anche noi. Anni fa, studiando per un lavoro, ho guardato un documentario sulla storia e il pensiero di Etty Hillesum. A un certo punto dei ragazzi intervistano Michale Wery, dell’Istituto di Neuroscienze di Bruxelles, sul fatto che la Hillesum (proprio lei) parla della barbarie che si può trovare dentro ciascuno di noi.

Wery dice: non spiego la barbarie; osservo me stesso. Ci sono volte in cui mi sono detto che c’è qualcosa di barbaro in me. Sono rimasto colpito dal potenziale di violenza che ho dentro. Poco tempo fa tenevo in braccio il gattino di mia figlia. Mi sono accorto che l’avrei potuto strangolare con una facilità assoluta e questa consapevolezza mi ha portato a interrogarmi. Quando ero giovane mio cugino mi ha chiesto di fare il bagnetto a suo figlio. Era neonato e in quell’istante mi sono reso conto che quel piccolo essere vivente era alla mia mercé. Quel giorno ho preso coscienza del potere che avevo su questo essere vivente. Quale sarà il limite?

Vent’anni dopo – continua Wery – stavo lavorando in giardino e ho sentito qualcuno gridare e chiamarmi per nome. Il mio vicino era caduto nel pozzo e stava annegando. Sapevo benissimo di doverlo aiutare, nonostante ciò ho avuto un’immagine terribile: “puoi fare ciò che vuoi di quest’uomo”. Hai il potere di trovare un modo per tirarlo fuori e salvarlo, hai il potere di ucciderlo. In quei momenti della mia vita ho avuto potere sull’altro. E mi dico: presta attenzione alla barbarie che dorme in te. Il fatto di dare un nome a queste cose, il fatto di parlarne, mi fa capire che non ne ho veramente paura. E questo ci rende più liberi rispetto alle tendenze che vivono in noi.

Il discorso di Wery mi incuriosì e ci ho pensato letteralmente per anni. La stessa cosa che lui racconta la sperimentiamo con i cuccioli, con i bambini, con le persone che ci chiedono aiuto. Una sensazione di potere assoluto che si presenta di fronte a chi consideriamo inferiore o più debole. Questo è l’elemento in grado di scatenare la barbarie in ciascuno di noi. Ogni giorno scegliamo diversamente ma ogni giorno questa possibilità può presentarsi. La natura di ogni essere umano può, all’occorrenza, essere violenta.

Accettare questo significa rinunciare all’idea del mostro che, in realtà, è solo il nome che diamo al riflesso della nostra paura. Noi abbiamo dentro (anche) pulsioni violente ed esserne consapevoli vuol dire accettare la necessità di farci i conti e di gestirle. Nessuna rabbia, nessuno sfogo sarebbe sufficiente a compensare lo stupore e il gelo che coglie leggendo la storia della donna data alle fiamme a Lucca. Quindi non fatelo, non cedete alla tentazione di pensare che l’assassino sia qualcosa di diverso da un uomo. Non lasciatevi andare all’emotività facile dei discorsi forcaioli. Rimanete lucidi. Riflettete. Ragionate. Perché quando c’è caos c’è sempre qualcuno che riesce a mescolare nel torbido.

Di riprove ce ne sono a bizzeffe ogni volta. Quando accadono dei femminicidi mi metto a leggere i commenti sotto gli articoli dei giornali on-line: sono osservatòri eccellenti per l’antropologia contemporanea. Ieri un tizio, assai forcaiolo, scriveva che siamo 60 milioni di italiani e solo lo 0,001% ha una mente malata; se poi consideriamo che un terzo dei femminicidi sono commessi da “persone che è nella loro cultura” la percentuale scende ancora. “Questa è una mosca bianca”, diceva parlando dell’uomo che ha dato fuoco a Vania Vannucchi.

Noi no, noi non siamo mai. La cosa non ci riguarda. L’assassino è sempre un’eccezione. A noi non potrà mai capitare perché siamo “persone che NON è nella nostra cultura”. Eppure i dati affermano che le donne, anche in Italia, vengono per lo più uccise da persone conosciute, dentro la famiglia, dentro le relazioni e solo raramente da qualcuno al di fuori. Prima o poi bisognerà avere il coraggio di dire che le famiglie che uccidono, le relazioni che uccidono, gli uomini che uccidono sono proprio i nostri.

Lo stesso tizio aggiungeva: comunque leggo commenti di donne che dicono “mamme educate i vostri figli” bene e io aggiungo “mamme educate le vostre figlie perché anche una sola mamma che ammazza un figlio è una vergogna”. Il che significa che una donna che abortisce è uguale a un uomo che da fuoco a una donna. Chiaro, semplice, lineare. E da qui a dire che una donna se l’è meritato il passo è veramente breve. La cultura che uccide è esattamente questa. Una cultura che fa diventare le vittime sempre meritevoli di una qualche punizione.

Capite perché, soprattutto ora, bisogna mantenere i nervi saldi e non lasciarsi andare a reazioni emotive? Controllate quello che dite. Tenete a bada l’emotività tanto – mi spiace dirlo – domani ve ne sarete dimenticati. E non è colpa vostra: è normale. Vania Vannucchi suscita una pena immensa. Una compassione, una solidarietà, una rabbia infinita per come è morta. Giustamente oggi ci sentiamo tutti suoi amici. Ma la realtà è che per noi non è sorella, amica, parente e nemmeno conoscente. La sua morte atroce non ci sconvolgerà la vita come invece la sconvolgerà ai suoi figli. Noi non siamo cattivi perché ci dimenticheremo il suo nome. Semplicemente ricorderemo il caso della donna di Lucca bruciata viva dall’ex ma dimenticheremo tutti i dettagli.

Io non lo so cosa possiamo fare, qual è la reazione giusta: so solo cosa farò io. Io che ora sono piena di rabbia e ho il nodo alla gola tutte le volte che ne parlo. Non invocherò la morte per l’omicida. Non cederò alla retorica del “dovrebbe fare la stessa fine”. Non parlerò di pene severe perché, in realtà, non so qual è la situazione della giustizia. Invece di inveire mi informerò su cosa cosa prevede la legge per questo tipo di omicidio che si chiama femminicidio e che ha una componente così forte di crudeltà. Mi farò delle domande sui miei rapporti con gli uomini, quelli che sono stati, quelli che sono e quelli che saranno. Mi chiederò se la prevenzione è sufficiente e sicuramente la risposta sarà no. Mi chiederò dove sono le falle nel nostro sistema culturale, falle talmente gravi da far diventare il femminicidio un’emergenza sociale.

È un problema culturale, diciamo sempre. Ma avete pensato a cosa davvero significa “problema culturale”? Significa che c’è un filo sottile che collega l’omicidio all’umiliazione, all’offesa, alla mortificazione. Significa che c’è un filo sottile che congiunge l’omicidio e le pubblicità a contenuto violento e sessista. Gli esempi potrebbero continuare a lungo. Avete mai pensato agli uomini che mettono a tacere la compagna dandole della troia mentre niente di quello che ruota intorno alla sessualità maschile può essere considerato allo stesso livello offensivo? Gli uomini non sono violenti per natura così come le donne non nascono predestinate a subire. Sono scelte. Ma non scelte improvvise e improvvisate: sono scelte che si fanno ogni giorno, un’occasione dopo l’altra.

La violenza va riconosciuta prima di tutto in sé stessi per smantellare collettivamente la palude di luoghi comuni e sottovalutazioni in cui ci siamo arenati. Offendere è violenza, picchiare è violenza, schiaffeggiare è violenza, umiliare è violenza, minacciare è violenza, mortificare è violenza, impaurire è violenza, perseguitare è violenza, isolare è violenza, opprimere è violenza, ricattare è violenza. Bisogna dire a tutte le donne senza eccezioni: se lui supera il limite denuncialo, non ti fare scrupoli, chiama telefono rosa, nessun’altra può farlo al posto tuo. Le apparenze non contano niente: non c’è più nulla da salvare. Neanche se è tuo marito, tuo padre, il tuo fidanzato: l’uomo che tutti ritengono essere una brava persona. Neanche se pensi che amici e parenti ti criticheranno. Sta proprio succedendo a te, anche se non riesci a capacitarti. E non devi essere sola perché i centri anti violenza sono stati pensati per te. Questo hanno bisogno di sentirsi dire le donne: che non devono più preoccuparsi di salvare le apparenze e che hanno una via d’uscita reale.

Mio marito mi ha comprato uno spray pepper rosa. Dopo quello che è successo mi ha rimproverato perché lo dimentico sempre in giro. Non ha paura per me, ha paura perché io non ho paura. Allora mi sono seduta, l’ho guardato e gli ho detto che avrei dovuto avere paura di lui. Le donne non vengono uccise da estranei, vengono uccise da quelli che conoscono bene. È questa la conseguenza del clima in cui viviamo: tenere d’occhio la persona che ami, a cui affideresti la tua vita, e chiederti se lui è diverso, se lui supererebbe il limite. Certo che è diverso – ti dici – sennò non lo ameresti mica! Ma poi ti accorgi che tutte le donne colpite dalla violenza maschile pensavano più o meno lo stesso. Noi siamo andati vicini a oltrepassare il limite ma non è mai successo. E allora che differenza c’è? C’è che ci siamo accorti di poterci fare del male. Allora abbiamo deciso di essere i custodi di noi stessi. Non so se funzionerà, questa però è la risposta migliore che abbiamo.

Ilaria Sabbatini

Intervista a Michale Wery, dell’Istituto di Neuroscienze di Bruxelles

.


.

Elenco dei centri antiviolenza aderenti alla Rete Nazionale Antiviolenza 1522 e alla Associazione nazionale Dire (Donne In Rete contro la violenza).
Fonte: Dipartimento per le Pari Opportunità

Tratto da Presa Diretta

ABRUZZO

Associazione Ananke Onlus

Via Tavo 248, 65100 – Pescara (PE)
Tel: 085/4283.851
web: http://www.centroananke.it
Email: info@centroananke.it

Biblioteca delle Donne Melusine – Centro Antiviolenza l’Aquila
Via Alcide De Gasperi 45, 67100 – L’Aquila (AQ)
Tel: 0862/65985
Email: centroantiviolenza.laquila@gmail.com

Centro Antiviolenza “La Libellula”
Via San Polo 46, 67039 – Sulmona (AQ)
Tel: 0864/566918
Web: http://www.horizonservice.it
Email: cav.libellula@alice.it
Posti letto: 6

Centro Provinciale Antiviolenza Donne “La Fenice”
Via Taraschi, 9 64100 Teramo (TE)
Telefono: 0861 029009
E-Mail: lafenice@provincia.teramo.it

CRI – Centro Antiviolenza
via Pietro Falco 1 ( c / o sede del comitato provinciale di Croce Rossa)- Chieti (CH)
Numero verde: 800 32 00 78
Web: http://www.crichieti.net
Email: centroantiviolenza@crichieti.net

Telefono Rosa – Associazione Il Filo di Arianna
Via Cesare De Lollis, 23 66100 Chieti (CH)
Telefono: 0871 347999

BASILICATA

Telefono Donna – Casa per le donne “Ester Scardaccione”
Via dei Ligustri 32, 85100 – Potenza – (PZ)
Tel: 0971 / 5555.1
Web: http://www.telefonodonnapotenza.it
Email: info@telefonodonnapotenza.it
Posti letto: 5


CALABRIA

CAD – Centro Antiviolenza Donne
Via XXV Aprile, 89900 – Vibo Valentia (VV)
Tel: 8000.83525 – 0963/471628
Email: cpatania@email.it
Casa delle donne – Centro Italiano Femminile
Via Ravagnese Sup. 151, 89131 – Reggio Calabria (RC)
Numero Verde: 800.7741.10
Tel. 0965.644857
Email: cifcasadelledonne.rc@libero.it

Coop. Agorà Kroton
Via Spiaggia delle Forche 25, 88900 Crotone – (CR)
Web: http://www.agorakroton.it
Email: info@agorakroton.it

Telefono Donna Centro «Roberta Lanzino»
Via Caloprese 56, 87100 – Cosenza (CS)
Tel: 0984/36311
Emergenze: 329/8981723
Email: contro33@centrolanzino.191.it

U.O. Salute Donna Infanzia a Adolescenza ASP – Crotone (CR)
Via Cutro, 17 88900 Crotone (KR)
Telefono: 0962 924837

CAMPANIA

Associazione «Le Kassandre» – Sportello S.A.I.

Via De Meis, 131, 80100 – Napoli (NA)
Tel: 081/19313277
Cell: 333-8864293
Web: http://www.lekassandre.com
Email: info@lekassandre.com

Associazione Volontarie Telefono Rosa di Napoli

via Mergellina 44, 80100 – Napoli (NA)
tel: 081-668691
Email: telefonorosadinapoli@gmail.com.

Centro «Eva» – Centro di accoglienza per donne in difficoltà e loro figli minori

Via Amendola 15, 81024 Maddaloni (CE),
tel. 0823-204145
Web: http://www.cooperativaeva.it
Email: antiviolenzaeva@libero.it
Posti letto:6

Centro antiviolenza familiare “Il Girasole”

Via Nicola Nicolini 54, 80100 – Napoli (NA)
Numero verde: 800 134371
Web: http://www.centrogirasole.org
Email: info@centrogirasole.org

Centro ascolto Antiviolenza «Aurora»
Via Posillipo – P.co Carelli 8/C, 80100 – Napoli (NA)
Telefono: 081.7953191
E-mail: centrodonna@comune.napoli.it
Posti letto: 6

Centro Ascolto Donna
Via Bastioni 4, 84125 Salerno (SA)
Tel: 089 226000
Email: info@caritassalerno.it

Coop Soc. «Aradia» – Santa Maria Capua Vetere (CE)

Corso Garibaldi 19, S. Maria Capua a Vetere (CE).
Tel: 0823 – 8498.44
Web: http://www.coopdedalus.it

La casa di Marinella
Indirizzo Riservato 80011 – Acerra (NA)
Tel: 081/5201470
Email: casadimarinellaonlus@libero.it
Posti letto: 5

Linea Rosa – Associazione «Spazio Donna» – Salerno (SA)

Piazza Vittorio Veneto, 2, 84123 Salerno (SA)
Tel 089 254242
Web: spaziodonnasalerno.it
Email: spaziodonnasalerno@alice.it

Servizio di sostegno e accompagnamento delle donne vittime di abuso e violenza – Nola (NA)
Piazza Duomo,1, Nola
Tel 081/8239714
Web: -www.agenziaareanolana.it,
Email: segreteria@ambito11.areanolana.com

Sportello Lilith, Associazione «Sott´e´ncoppa»
Via Luca Giordano 24 – 
San Sebastiano al Vesuvio (NA)
Tel: tel. 0815749320
Web: http://www.sportellolilith.it
Email: sansebastiano@sportellolilith.it

Telefono Rosa
Viale Lamberti – Palazzo della Salute 81100 Caserta (CE)
Tel: 0823/354126
Web: http://www.spaziodonnaonlus.it
Email: spaziodonnaonlus@libero.it
Posti Letto 12

Telefono Rosa

via Aniello Palumbo – Giugliano (NA)
Numero verde: 800231277 – 081 3306391
Email: spazioaspasia@libero.it

EMILIA ROMAGNA

Associazione «Casa delle Donne» Onlus
Via Del Gambero 77 – 41124 – Modena (MO)
Tel: 059/361050
Web: http://www.donnecontroviolenza.it
Email: most@donnecontrolaviolenza.it
Posti letto: 9

Casa delle Donne – Associazione Nondasola

Via Melegari 2/a – 42100 – Eemilia (RE)
Tel: 0522/920880
web: http://www.nondasola.it
Email: info@nondasola.it
Posti letto: 6

Casa per le donne per non subire violenza

Via dell’Oro 3, – Bologna (BO)
Tel: 051/333173 (accoglienza) 051/6440163 (uffici)
Web: http://www.casadonne.it
Email: casadonne@women.it
Posti letto: 20

Centro Antiviolenza Filo Donna

Via E. Curiel, 51 47121 Forlì (FC)
Telefono: 0543 552855
E-Mail: donafio@tiscali.it

Centro Antiviolenza
Vicolo Grossardi 8 – 43125 – Parma (PR)
Tel: 0521/238885
Web: http://www.acavpr.it
Email: acavpr@libero.it
Posti letto: 25

Centro Donna
Via Tina Gori 58, 47100 – Forlì (FC)Cesena
Tel: 0543/712660
Web: http://www.comune.forli.fc.it
Email: centrodonna@comune.forli.fc.it
Posti Letto: 9

Centro Donne Giustizia

via Terranuova 12 b, 44100 – Ferrara (FE)
Tel: 0532/247440
Web: associazioni.comune.fe.it
Email: donnagiustizia.fe@libero.it
Posti letto: 12

Città delle Donne – Telefono Rosa

Via Romagnosi 33 – 29100 – Piacenza (PC)
Tel: 0523/334833
Email: telefonorosapiacenza@libero.it
Posti letto: 6

Demetra donne in aiuto
Corso Garibaldi 116 – 48022 – Lugo (RA)
Tel: 0545/27168
Web: http://www.perglialtri/demetra
Email: donne@demetra-lugo.it

Gruppo di lavoro sulla violenza alle donne presso Centro Donna
Via Tina Gori 58 47100 – Forlì (FC)
Tel: 0543/712660
Web: http://www.comune.forli.fc.it
Email: centrodonna@comune.forli.fc.it
Posti letto: 9

Gruppo giustizia UDI

Via Castiglione 24, 40100 – Bologna (BO)
Tel: 051/232313
Web: http://www.udibologna.altervista.org
Email: udibo@libero.it

Gruppo Donne e Giustizia
Via Del Gambero 77 – 41100 – Modena (MO)
Tel: 059/361861
Web: http://www.donnegiustiziamodena.it
Email: donnegiust@gmail.com

La Cicoria
Piazzale Giovanni dalle Bande Nere ex Lolli, 11 40027 Imola (BO)
Telefono: 333 2197061

Linea Rosa
Via Mazzini 57/a – 48100 – Ravenna (RA)
Tel: 0544/216316
Web: http://www.linearosa.it
Email: linearosa@racine.ra.it
Posti letto: 18

Linea rosa

Piazza Farini, 35 – 48026 Russi (RA)
Telefono: 0544 583901

«Rompi il silenzio» – Centro di prima accoglienza
Via Marzabotto 30, 47900 – Rimini (RN)
Tel: 346/5016665
Web: http://www.rompiilsilenzio.org
Email: info@rompiilsilenzio.org
Posti letto: 6

S.O.S Donna – Bologna (BO)

Via Saragozza 221/b , 40135 – Bologna (BO)
Tel: 051/434345 – 800453009
Email: sosdonna.bologna@sosdonna.org

SOS Donna – Faenza
Via Laderchi 3 – 48018 – Faenza (RA)
Tel: 0546/22060
Web: http://www.sosdonna.com
Email: info@sosdonna.com
Posti letto: 10

Telefono «Ascolto Donna»
Viale Barilla, 26 43121 Parma (PR)
Telefono: 0521 770231
E-Mail: coopluna@libero.it

 

FRIULI VENEZIA GIULIA

Associazione S.O.S. Rosa Onlus
Via A. Baiamonti 22- 34170 – Gorizia (GO)
Tel: 0481/32954
Web: http://www.sosrosa.it
Email: sosrosa@alice.it
Posti letto: 5

Centro Antiviolenza GOAP

Via S. Silvestro 5 – 34121 – Trieste (TS)
Tel: 040/3478827
Web: http://www.goap.it
Email: info@goap.it
Posti letto: 18

Da donna a DONNA
Via Roma 13 – 34077 – Ronchi dei legionari (GO)
Tel: 0481/474700 – 333/2810048
Web: http://www.dadonnaadonna.org
Email: info@dadonnaadonna.org
Posti letto: 5

Iotunoivoi Donne insieme Centro Antiviolenza
Via Martignacco 23- 33100 – Udine (UD)
Tel: 0432/421011
Web: ww.iotunoivoi.it
Email: iotunoivoi@iotunoivoi.it
Posti letto: 16

Voce Donna onlus
Viale Cossetti 16 – 33170 – Pordenone (PN)
Tel: 0434/21779
Web: http://vocedonnapn.it/
Email: vocedonnapn@gmail.com
Posti letto: 11

Zero tolerance contro la violenza sulle donne
Viale Duodo 77 – 33100 – Udine (UD)
Tel: 0432/271699 0432/271077 800.531.135
Email: zerotolerance@comune.udine.it
Posti letto: 6

LAZIO

Associazione Erinna – Donne contro la violenza alle donne Onlus
Corso Italia 71 -01020 – Viterbo (VT)
Tel: 0761 342056
Email: e.rinna@yahoo.it

Associazione Sostegno Donna
Piazza Fulvio Nobiliore, 5 00044 Cocciano (RM)
Telefono: 06 94015165
Web: http://www.sostegnodonna.it
Email: sostegnodonnaonlus@libero.it

ASSOLEI Sportello Donna Onlus
Via Benedetta, 28 00153 Roma (RM)
Telefono: 06 5809363
Web: http://www.assolei.it
E-Mail: info@assolei.it

CAPIT Rieti Sportello Antiviolenza Il Filo di Ana

Via L. Canali,1 02100 Rieti (RI)
Telefono: 0746 491039
Web: http://www.sportelloantiviolenza.it
E-Mail: capitrieti@libero.it

Centro Ascolto: Centro Essere Donna
Via Traiano lotto 17/8 04019 – Terracina (LT)
Tel: 0773/1769082
Email: centroesseredonna@libero.it
Posti letto: 6

Centro antiviolenza provinciale per donne e minori vittime di violenza
Via Pietra Liscia, 32 03023 Ceccano (FR)
Telefono: 800 479898 0775 601115
E-Mail: cpa.ceccano@libero.it

Centro Antiviolenza del Comune di Roma
Via di Torre Spaccata, 157 00169 Roma (RM)
Telefono: 06 23269049
E-Mail: centroantiviolenza.comuneroma@virtusitalia.it

Centro Donna «Lilith»
Via Massimo d’Azeglio 9 – 04100 – Latina (LT)
Tel: 0773/664165
Email: centrodonnalilith@gmail.com
Posti letto: 7

Centro Donna LISA – Associazione donna in genere
Via Rosina Anselmi 41 00139 – Roma (RM)
Tel: 06/87141661
Web: http://www.centrodonnalisa.it
Email: info@centrodonnalisa.it

Centro Prov.le «La Ginestra» Prima Accoglienza e Assistenza sociale per donne in difficoltà
Via Colle Tocciarello 1 00138 – Valmontone (RM)
Tel: 06/9591187 3357688458
Web: casainternazionaledelledonne.org
Email: cadd.valmontone@libero.it
Posti letto: 12

Differenza donna – Centro Prov.le «Maree»
Via Monte delle Capre 23 00100 – Roma (RM)
Tel: 06/6535499
Email: centromaree1@tiscali.net
Posti letto: 10

Differenza donna – Centro Prov.le per donne che non vogliono subire violenza
Viale di Villa Pamphili, 100 00165 Roma (RM)
Telefono: 06 5810926
E-Mail: ceproant@tiscalinet.it
Posti letto: 8

NO.DI «I Nostri Diritto» – Roma (RM)
Via Borgo Pio, 15 00193 Roma (RM)
Telefono: 06 6833688
E-Mail: associazionenodi@hotmail.it

Le lune
Via dei Mughetti 2 – 00012 – Guidonia (RM)
Tel: 0774/343223 366/1669013

Servizio accoglienza ed ascolto per donne in difficoltà della Casa Internazionale delle donne di Roma

Via della Penitenza, 37 00165 Roma (RM)
Telefono: 06 68809502
Web: http://www.casainternazionale delle donne.org
E-Mail: sportellocidd@yahoo.it

Servizio antiviolenza SOS donna h24 del Comune di Roma
Via Statilio Ottato, 33 00175 Roma (RM)
Telefono: 06 71077015
http://www.sosdonnacomuneroma.org

Stella Polare – Risorsa Donna
Largo San Giovanni 03039 – Sora (FR)
Tel: 0776/839275
Web: http://www.risorsedonna.org
Mail: info@risorsedonna.org
Posti letto: 3

Sportello di Consulenza Giuridica C.O.D.I
Via della Lungara, 19 00165 Roma

Sportello Donna San Camillo c\o Ospedale San Camillo

Circonvallazione gianicolense, 87 00152 Roma (RM)
Telefono: 06 58703216
Web: http://www.befreecooperativa.org/sportellodonna
E-Mail: mailto:sportellodonna.sancamillo@gmail.com

Sportello Donna – Ambulatorio Ospedale S. Gallicano
Via delle Fratte di Trastevere Roma (RM)
Telefono: 06 58543690

Telefono Rosa – Roma (RM)
Viale Mazzini, 73 00195 Roma (RM)
Telefono: 06 37518261
Web: http://www.telefonorosa.org
E-Mail: telefonorosa@alice.it

LIGURIA

Centro Accoglienza per non subire violenza di Genova
Via Cairoli, 14/7 16124 Genova (GE)
Telefono: 010 2461716
Web: udige.it
Email: udige@libero.it
Posti letto: 8

Centro Provinciale Antiviolenza
Via Mascherona, 19 16123 Genova (GE)
Telefono: 010 20976222
E-Mail: centroantiviolenza@comune.genova.it

Telefono Donna
Via Corridoni 5- 91100 – La spezia (SP)
Tel: 0187/703338
Email: udi.laspezia@email.it

Telefono Donna
Via Sormano 12- 17100 – Savona (SV)
Tel: 0198/313399
Web: http://www.provincia.savona.it
Email: telefonodonna.savona@libero.it

LOMBARDIA

A.I.D.A. – Associazione Incontro Donne Antiviolenza Onlus
Via Gallarati 2 26100 – Cremona (CR)
Tel: 37/380999
Web: http://www.sitisolidali.it
Email: aida.onlus@virgilio.it

Aiuto donna – Uscire dalla violenza
Via San Lazzaro 3 – 24126 – Bergamo (BG)
Tel: 035/212933
Web: http://www.aiutodonna.it
Email: info@aiutodonna.it

Associazione «L´altra metà del cielo» -Telefono Donna Merate
Via S.Ambrogio 17 – 23807 – Merate (LC)
Tel: 039/9900678
Email: altrametadelcielo@yahoo.it
Posti letto: 4

Associazione Casa delle Donne
Via S. Faustino 38 25122 – Brescia (BS)
Tel: 030/2400636
Web: http://www.casadelledonne-bs.it
Mail: casa@casadelledonne.191.it

Associazione Donne contro la violenza onlus

Via XX Settembre 115 26013 – Crema (CR)
Tel: 037/380999
Web: http://www.controlaviolenza.it
Email: assocdonne@alice.it
Posti letto: 2

Casa di Accoglienza delle donne maltrattate

Via Piacenza 14 – 20100 – Milano (MI)
Telefono: 02 55015519
Web: http://www.cadmi.org
Email: cadmmi@tin.it
Posti letto: 15

Centro Aiuto alle donne maltrattate – Cadom
Via Mentana 43 . 20900 – Monza (MB)
Tel: 039/2840006
Web: http://www.cadom.it
Email: cadomonza@centrodonnemaltrattate.191.it

Cerchi d´acqua Coop. Soc. A.R.L.
Via Verona 9 – 20100 – Milano (MI)
Tel: 02/58430117
Web: http://www.cerchidacqua.org
Email: info@cerchidacqua.org

Cooperativa «Liberamente» – Percorsi di donne contro la violenza
Corso Garibaldi 37/b – 27100 – Pavia (PV)
Tel: 0382/32136
Web: http://www.centroantiviolenzapv.it
Email: info@centroantiviolenzapv.it

Donne insieme contro la violenza
via dei Pini 8 20090 – Pieve Emanuele (MI)
Telefono: 02 90422123
Web: http://www.donneinsieme.org
Email: info@donneinsieme.org

EOS – Centro ascolto e accompagnamento contro la violenza, le molestie sessuali e i maltrattamenti alle donne e ai minori
Via Staurenghi, 24 21100 Varese (VA)
Telefono: 0332 231271
E-Mail: eosvarese@virgilio.it

Sportello Artemisia
Indirizzo Riservato 20093 – Cologno monzese (MI)
Tel: 800.097.999
Email: artemisia@comune.colognomonzese.mi.it

Sportello Donna
Piazza Giovanni Paolo II – presso Comune di Desio 20832 Desio (MB)
Telefono: 0362 392508
E-Mail: info@whitemathilda.org

Sportello donna Sirio
Via Cavallotti 24047 Treviglio (BG)
Tel: Tel.: 0363.301.773 – 0363.303.571
Web: http://www.centrosirio.it

Telefono Azzurro Rosa
Via San Zino, 174 25124 Brescia (BS)
Telefono: 030 3530301
E-Mail: info@azzurrorosa.it

Telefono Donna
Via Castelnuovo 1 22100 – Como (CO)
Tel: 031/304585
Web: http://www.telefonodonnacomo.it
Email: segreteria@telefonodonnacomo.it
Posti letto: 11

Telefono Donna c/o Serv. Psicologia Az.Osp. Niguarda cà Granda Milano – Milano (MI)
Piazza Ospedale Maggiore, 3 20162 Milano (MI)
Telefono: 02 64443043 02 64443044
E-Mail: telefono.donna@tiscali.it

Telefono Donna
Via Parini 6 – 23900 – (LC)
Tel: 0341/363484
Web: http://www.telefonodonnalecco.it
Email: teldonnalecco@alice.it

Telefono Rosa
Via Tassoni 14 – 46100 – Mantova (MN)
Tel: 0376/225656
Web: http://www.telefonorosamantova.it
Mail: telefonorosa@tin.it

MARCHE

Associazione «Donne e Giustizia»
Via Cialdini 24 a – 60122 – Ancona (AN)
Tel: 800032810 071/205376
Email: donne.giustizia@libero.it

Casa rifugio Zefiro

P.zza Stamira 13 – 60122 – Ancona (AN)
Tel: 071/2075383
Web: lagemma.org
Email: casarifugio@lagemma.org
Posti letto: 7

Insieme contro la violenza di genere – Centro Antiviolenza

via Romagna 7 63039 – San benedetto del tronto (AP)
tel: 800 021314
Email: centroantiviolenza.ap@alice.it

Parla con Noi (centro provinciale)
Via Diaz, 10 61100 Pesaro (PU)
Telefono: 0721 639014
E-Mail: parlaconnoi@provincia.ps.it

Percorsi Donna – Telefono Donna
c/o Punto di Accoglienza Territoriale P.le Marconi 14 – 63900 – Sant’elpidio al mare (FM)
Telefono: 800 215809
Web: http://www.ontheroadonlus.it
Email: percorsidonna@ontheroadonlus.it


MOLISE

Consultorio ASL Isernia – Isernia
Via XXIV Maggio, 140 86170 Isernia
Telefono: 0865 442403

PIEMONTE

Associazione «Me.Dea»
Via Palermo 33 – 15121 – Alessandria (AL)
Tel: 0131/226289
Web: http://www.medeacontroviolenza.it
Email: me.deacontroviolenza@gmail.com

Centro d’ascolto «Orecchio di Venere» – Ispettorato Croce Rossa Italiana Asti

Via Ugo Foscolo, 7 14100 Asti (AT)
Telefono: 0141 1855172
E-Mail: centroascolto.cri@gmail.com

Telefono Donna
Via Carlo Emanuele III, 34 – 12100 – (CN)
Tel: 0171/631515
Email: telefono.donna@libero.it

Associazione «Mai+Sole» – Savigliano (Cuneo)
Via Beggiamo, 7 – 12038 Savigliano (CN)
Tel: 39 335 1701008
Email: info@maipiusole.it
Web:www.maipiusole.it

Centro Supporto ed Ascolto Vittime di Violenza DEMETRA A.O.U. Citta’ della Salute e della Scienza di Torino

Via Cherasco 23 – 10126 Torino (TO)
Tel: 011/6335899 – 335/7169000
Email: pschinco2@cittadellasalute.to.it

Centro donne contro la violenza
via Vanchiglia 6 – 10124 – Torino (to)
tel: 011/882436
Web: http://www.unionedelledonne.it
Email: unionedelledonne@libero.it

Centro Servizi Donna della Provincia di Novara
Via Greppi 7 – 28100 – Novara (NO)
Tel: 0321/378737
Email: csdonna@provincia.novara.it

Centro Svolta Donna c/o ASL TO3 – Pinerolo (TO)
Telefono: 334 3664768
E-Mail: info@svoltadonna.it

Centro S.V.S.
C.so Spezia 60-Ospedale S.Anna – 10126 – Torino (TO)
Tel: 011/3134180
Web: http://www.oirmsantanna.piemonte.it/site/soccorso
Email: svs@oirmsantanna.piemonte.it

Sportello Donna
Corso Matteotti 90 -28047 – Oleggio (NO)
Tel: 0321/994288
Web: http://www.cisasservizi.it
Email: sportellodonna@cisasservizi.it

Sportello Donna Arona
Via San Carlo 2- 28041 – Arona (NO)
Tel: 0322/231122
Web: comune.arona.no.it
Email: puntodonna@comune.arona.no.it

Ufficio «Accogliere le Donne» – Serv. Soc. Settore Famiglia e Sussiedarietà Comune Torino
Via Villa Bruino, 4 10122 Torino (TO)
Telefono: 011 4431562
Web: http://www.relazioniefamiglie.comune.torino.it
E-Mail: relazioniefamiglie@comune.torino.it

Telefono Rosa
Via Assietta, 13/A 10128 Torino (TO)
Tel: 011/530666
Web: http://www.telefonorosatorino.it
Email: telefonorosa@mandragola.com
Posti letto: 8

Libera associazione per le donne d´oggi – «Donne e Futuro» Onlus – Torino (TO)
Via Barbaoux, 31 10122 Torino (TO)
Telefono: 011 5187438
Web: http://www.donnefuturo.com
E-Mail: donne@tin.it

PUGLIA

«Filo di Arianna» Coop. Sociale A.R.L

Via Previdenza, 11 71016 San Severo (FG)
Telefono: 0882 241951
E-Mail: filodiarianna22@libero.it

Associazione Donne Insieme onlus – Centro antiviolenza «Renata Fonte
Via S. Maria del Paradiso, 12 73100 Lecce (LE)
Telefono: 800098822 0832 305767
E-Mail: donneinsieme.rf@libero.it

Associazione Riscoprirsi
Via Quarti 21 -76123 – Andria (BT)
Tel: 0883/764901 – 380/3450670
Web: http://www.riscoprirsi.it
Email: cav.riscoprirsi@gmail.com

Io Donna per non subire violenza
Via Cappuccini 8 – 72100 – Brindisi (BR)
Tel: 0831/522034
Web: http://www.associazioneiodonna.com
Email: associazioneiodonna@hotmail.it

La Giraffa
Via Napoli 308 – 70100 – Bari (BA)
Tel: 080/5741461
Web: http://www.giraffaonlus.it
Email: info@giraffaonlus.it
Posti letto: 8

Osservatorio Giulia Rossella Centro antiviolenza onlus
P.zza A. Moro16 -76121 – Barletta (BT)
Tel: 0883/310293
Email: centroantiviolenza@libero.it

Safiya
Via Don Luigi Sturzo n.c. – 70100 – Polignano a mare (BA
Tel: 333/2640790
Email: safiya.onlus@libero.it

Sostegno Donna
Via Dante 221 – 1/B – 74100 – Taranto (TA)
Tel: 099/7786652
Email: alzaiadonne@libero.it

Sportello Antiviolenza
Via Giulio Cesare 22 -72100 – Brindisi (BR)
Tel: 338/8750396
Email: cav.aporti@yahoo.it
Posti letto: 10

Telefono Donna
Via della Repubblica 54- 71100 – Foggia (FG)
Tel: 0881/772499
Email: impegnodonna@virgilio.it

SARDEGNA

Associazione Donne al Traguardo Onlus
Via Monsignor Piovella 26 – 09123 Cagliari (CA)
Web: http://www.donnealtraguardo.com
Email: donnealtraguardo@hotmail.com

Centro antiviolenza per donne e minori
via Paganini 22 – 09025 Sanluri (VS)
tel: 800 777 991
web: http://www.provincia.mediocampidano.it

Donna Ceteris
Via Cimarosa, 7 09128 Cagliari (CA)
Tel: 070/492400
Web: http://www.donnaceteris.org
Email: info@donnaceteris.org

Donna Eleonora
P.zza Eleonora 44 – 09170 – Oristano (OR)
Tel: 0783/71286
Web: http://www.centroantiviolenzaoristano.it
E-Mail: info@centroantiviolenzaoristano.it
Posti letto: 5

Onda Rosa Centro Antiviolenza

indirizzo riservato- 08100 – Nuoro (NU)
Tel: 0784/38883
Email: ondarosa.nuoro@tiscali.it
Posti letto: 10

Progetto Aurora antiviolenza per Donne e Minori
Via dei Mille 61 – 07100 – Sassari (SS)
Tel: 800042248
Email: progetto.aurora@amistade.org
Posti letto:10

Prospettiva Donna

via Genova, 51 – 07026 – Olbia (OT)
Tel: 0789 / 27466
Web: http://www.prospettivadonna.it
Email: infoprospettivadonna@gmail.com

Spazio Donna
Via Tola, 20 07014 Ozieri (SS)
Telefono: 079 787399
E-Mail: sdspaziodonna@gmail.com

SICILIA

Associazione nuova vita – Ragusa (Ra)
Via Ecce Homo – 97100 – Ragusa (RG)
Tel: 0932/246788
Email: associazione.nuovavita@alice.it

Associazione Thamaia onlus “Telefono Donna
Via G. Macherione 14 – 95127 – Catania (CT)
Tel: 095/7223990
Web: http://www.thamaia.org
Email: centroantiviolenza@thamaia.org

Cedav Onlus – Centro Donne Antiviolenza

Via Luciano Manara, 22 – 98123 – Messina (ME)
Tel: 345/2630913 090 678303
Web: http://www.cedavmessina.it
Email: cedav@virgilio.it

Centro Antiviolenza Antistalking «La Nereide»
Via Servi di Maria 99 – 96100 – Siracusa (SR)
Tel: 0931/61000
Web: http://www.lanereide.it
Email: anereide.sr@virgilio.it

Centro Antiviolenza Adid
Viale Aldo Moro, 47 – 90047 – Partinico (PA)
Tel: 0918782684 – 0918918209
Web: http://www.adid.altervista.org
Email: FidelisOnlus@libero.it

Centro Ascolto – Stop violenza
Via San Francesco d’Assisi, 4 91100 Trapani (TP)
Telefono: 800453552
E-Mail: sportelloh@provincia.trapani.it

Centro ascolto per donne che vivono maltrattamento e/o violenza
Viale della Vittoria, 321 92100 Agrigento (AG)
Telefono: 0922 20462

Centro Donna Antiviolenza
Via Papa Giovanni XXIII, 1 97013 Comiso (RG)
Tel.: 0932.74911
Web: http://www.comune.comiso.rg.it

Centro antiviolenza Caltagirone
Via Grazia, 43 45041 Caltagirone (CT)
Telefono: 0933 57904
E-Mail: ass.albanuova@virgilio.it

Cooperativa Arcadia
Via Volturno 106 – 90100 – Palermo (PA)
Tel: 091/6124207
Email: serenascaffidi@libero.it
Posti letto 14

Donne Nuove
via P. Mattarella snc – 90019 – Trabia (PA)
Tel: 091/8147520
Web: http://www.coopnuovagenerazione.it
Email: nuovagen@libero.it
Posti letto: 20

Le Onde Onlus
Via XX Settembre 57 – 90141 – Palermo (PA)
Tel: 091/327973
Web: http://www.leonde.org
Email: leonde@tin.it
Posti letto 16

Rete centri antiviolenza
ASL – Presidio La Pizzuta – 96100 – Siracusa (SR)
Tel: 0931/492752
Web: http://www.reteantiviolenza.siracusa.it
Email: reteantiviolenzasiracusa@virgilio.it

Servizio di Accoglienza per le donne Vittime di Violenza – A.N.G.E.L.I.

via degli Studi 2 – 96016 – Lentini (SR)
Tel: 095/7835316
Web: http://www.antiviolenzaangeli.com
Email: antiviolenzaangeli@libero.it

Sportello antiviolenza Associazione Donneinsieme Sandra Crescimanno

Via Generale Muscarà 2 – 94100 – Piazza armerina (EN)
Tel: 0935/982436
Web: http://www.associazionedonneinsieme.it

TOSCANA

«Centro Donna» – Servizio del Comune di Livorno

Largo Strozzi,3 57123 Livorno
Telefono 0586 890053
Web: http://www.comune.livorno.it
Email: centrodonnalivorno@yahoo.it

Aiuto Donna – Servizio del Comune di Pistoia

c/o Assessorato Politiche Sociali 51100 Pistoia (PT)
Telefono: 0573 21175
E-Mail: aiutodonna@comune.pistoia.it

Associazione Luna
Piazza San Romano 4 (Parcheggio Lorenzini) – 55100 – Lucca (LU)
Tel: 0583/997928
Web: http://www.associazioneluna.it
Mail: mail@associazioneluna.it
Posti letto: 8

Associazione Amica Donna
Piazza Grande 7 – 53045 – Montepulciano (SI)
Tel: 0578/712418
Web: http://www.associazioneamicadonna.it
Email: info@associazioneamicadonna.it

Casa delle Donne di Viareggio – Centro ascolto «L’una per l’Altra»

Via Marco Polo 6 – 55049 – Viareggio (LU)
Tel: 800614822
Web http://www.casadelledonne.it
Mail: centroantiviolenzaviareggio@gmail.com

Centro Accoglienza Donne Maltrattate – Associazione Olimpia De Gouges
Via Trieste 5 – 58100 – Grosseto (GR)
Tel: 0564/413884
Web: http://www.olympiadegouges.it
Email: c.antiviolenza@provincia.grosseto.it

Centro Aiuto Donna «Lilith»

Via XX Settembre, 17 50054 Empoli (FI)
Tel: 0571 725156
Web: http://www.lilithcentroaiutodonna.it/
E-Mail: gruppolilith@anpas.empoli.fi.it
Centro di Ascolto donna chiama donna – Carrara (MC)
Via Carriona, 42 – Carrara c/o ex Mulino Forti
Web: http://www.comune.carrara.ms.it/

Centro Donna
Via Cavour, 19 54100 Massa Carrara (MS)
Telefono: 0585 45527
Web: http://portale.provincia.ms.it

Centro Donna – Piombino (LI)
Via Lerario 92/94 57025 Piombino (LI)
Telefono: 0565 49419
Web: http://www.comune.piombino.li.it
Email: centroantiviolenza@tiscali.it

Centro Donna contro la Violenza «Catia Franci» – Associazione Artemisia

Via del Mezzetta 1/int. – 50135 – Firenze (FI)
Tel: 055/602311/601375
Web: http://www.artemisiacentroantiviolenza.it
Email: artemisia@fol.it
Posti letto: 16

Centro Tutela Giuridica per donne e minori
Via Diaz, 7 57100 Livorno (LI)
Telefono: 0586 887009
E-Mail: centrotut.giuridica@gmail.com

Donne che sostengono donne
Piazza G. Rossa 16 – Ponte a Egola – 56028 – San miniato (PI)
Tel: 0571/843061
Web: associazionefrida.it
Email: associazione.frida@libero.it

Donna chiama donna
V.le Mazzini 95 – 53100 – Siena (SI)
Tel: 0577/222416
Email: donnachiamadonna@libero.it

Donne Insieme Val d´Elsa
Via Oberdan 42 – 53034 – Colle val d’elsa (SI)
Tel: 0577/901570
Email: donneinsiemevaldelsa@gmail.com
La Nara
Via Verdi 19 – 59100 – Prato (PO)
Tel: 0574/34472
Web: http://www.alicecoop.it
Email: lanara@alicecoop.it
posti letto: 7

Liberetutte

Via Marconi 51 – 51016 – Montecatini terme (PT)
Tel: 0572/910311
Web: http://www.liberetutte.org
Email: info@liberetutte.org
Posti letto: 13

Pronto Donna
Piazza Santa Maria in Gradi 4 – 52100 – Arezzo (AR)
Tel: 0575/355053
Web: http://www.prontodonna.it
Email: info@prontodonna.it
posti letto: 5

Sportello Informa Donna del Comune di Massa Marittima
Via Goldoni, 22 58024 Massa Marittima (GR)
Telefono: 0566 940242
E-Mail: sportelloinformadonna@comune.massamarittima.gr.it

Telefono Donna
Via Galli Tassi, 8 56126 Pisa (PI)
Telefono: 050 561628
Web: http://www.comune.pisa.it/casadonna
Posti letto: 8


TRENTINO ALTO ADIGE

Centro Antiviolenza per Donne in situazione di abuso
Via della Dogana, 1 38100 Trento (TN)
Telefono: 0461 220048
E-Mail: mailto:centroantiviolenzatn@tin.it
Web: http.//www.centroantiviolenzatn.it

Centro d’Ascolto Antiviolenza Associazione «Donne aiutano donne»

Via Paul Von Sternbach, 8 39031 Brunico (BZ)
Telefono: 800 310303
E-Mail: serviziocasadonne.brunico@rolmail.net

Centro d’Ascolto Antiviolenza Associazione «Gea Verein»
Via del Ronco,17 39100 Bolzano (BZ)
Telefono: 800 276433 0471 513399
Web: http://www.casadelledonnebz.it
E-Mail: frau.gea@virgilio.it
Posti letto: 6

Centro d’Ascolto antiviolenza della Comunità Comprensoriale Valle Isarco
Vicolo Cappuccini, 2 39043 Bressanone (BZ)
Telefono: 800 601330 0472 270450
E-Mail: frauen.bzgeisacktal@gvcc.ne

Casa delle donne Frauenhausdienst
Via Stazione 27 – 39042 – Bressanone (BZ)
Tel: 800 601 330
Web: http://www.bzgeisacktal.it/it/servizi-sociali/centro-antiviolenza.html
Email: frauenhaus.brixen@bzgeis.org
Posti letto: 8

Donne contro la Violenza «Frauen gegen gewalt» Onlus
Corso Libertà, 184/A 39012 Merano (BZ)
Telefono: 800 014008 0473 222335
Web: http://www.donnecontrolaviolenza.org/
E-Mail: info@perledonne.org
Posti letto: 12

UMBRIA

Associazione Albero di Antonia
Via Monte Nibbio 25 -05019 – Orvieto (TR)
Tel: 0763/300 944
Email: alberodiantonia51@yahoo.it

Centro antiviolenza Barbara Cicioni – Comitato Internazionale 8 marzo
Via della Viola, 1 – presso Casa dell’Associazionismo 06121 Perugia (PG)
Telefono: 075 42316
Web: http://www.donnemondo.it
E-Mail: donnemondo1@interfree.it

Telefono Donna – Centro Pari Opportunità Regione Umbria
Largo Cacciatori delle Alpi 5 -06121 – Perugia (PG)
Tel: 075/5046908 800861126
Web: http://www.pariopportunità.regione.umbria.it
Email: telefonodonna@regione.umbria.it

VALLE D’AOSTA

Centro Donne contro la violenza
Viale dei Partigiani 52 11100 – Aosta (AO)
Tel: 0165/238750
Web: http://www.paginegialle.it/centrodonne
Email: cdvaosta@libero.it


VENETO

Associazione «Lidodonna» Punto di Ascolto
Lungomare Marconi, 30 – Lido (Ve)
Tel: 041 5266543
Web: http://www.lidodonna.it
Email: 
E-Mail: info@lidodonna.it

Associazione Belluno Donna

Via del Piave 5 – 32100 – Belluno (BL)
Tel: 0437/981577
Web: http://www.bellunodonna.it
Email: bellunodonna@libero.it
posti letto: 8

Associazione Telefono Donna Camera del Lavoro Metropolitana – Venezia (VE)
Via Ca’ Marcello, 10 30171 Venezia (VE)
Telefono: 800 200288 041 5491225
E-Mail: telefonodonna.venezia@veneto.cgil.it

Casa di Awa
Codess Sociale Via Boccaccio 96 35100 – Padova (PD)
Tel: 3382737570
Web: http://www.codess.org
Email: casadiawa@codess.com
Posti letto: 16

Centro Antiviolenza c/o Centro Donna
Viale Garibaldi 155/A – 30174 – Mestre (VE)
Tel: 041/5349215
Web: http://www.comune.venezia.it/c-donna
Email: cittadinanza.donne@comune.venezia.it
Posti letto: 10

Centro Multidisciplinare Antiviolenza e Antistalking «La Magnolia»
Via Ca Boldù, 120 30027 San Donà di Piave (VE)
Telefono: 0421 596104
E-Mail: segreteria@fondazioneferriolibo.it

Centro Veneto Progetti Donna – Padova (PD)
Via Tripoli 3 – 35121 – Padova (PD)
Tel: 049/8721277
Web: http://www.centrodonnapadova.it/
Email: info@centrodonnapadova.it
Posti letto: 5

Donna chiama Donna
Via Torino11 – 36100 – Vicenza (VI
Tel: 0444/542377
Web: http://www.donnachiamadonna.org
Email: donnachiamadonna@gmail.com

Progetto Petra – Pari Opportunità Comune di Verona – Verona (VR)
P.zza Brà-Comune di Verona – 37121 – Verona (VR)
Tel: 800392722
Web: http://www.comune.verona.it
Email: petra.antiviolenza@comune.verona.it
Posti letto: 10

Pronto Donna
Piazza Caduti, 1 35031 Abano Terme (PD)
Telefono: 049 8245234
Web: http://www.abanoterme.net/
e-mail pariopportunita@abanoterme.net

SOS Violenza – Centro del Comune – Cooperativa Iside
Via Paccagnella, 11 30170 Mestre (VE)
Telefono: 041 9657836
E-Mail: c.donna@comune.venezia.it

Sportello Donna
c/o Assessorato Interventi Sociali del Comune di Vicenza Contrà Mure San Rocco, 34 – 36100 Vicenza (VI)
tel. 0444-222550

Telefono Rosa
Piazza Duomo 19 – 31100 – Treviso (TV)
Tel: 0422/583022
Email: telefonorosatreviso@libero.it

Telefono Rosa
Via Santa Toscana 1/p – 37131 – Verona (VR)
Tel: 045/8015831
Web: http://www.telefonorosaverona.it
Email: trverona@gmail.com

Fiaccolata in memoria delle vittime della strage di Orlando – Lucca, 15 giugno 2016

La licenza è creative commons: l’associazione Lucca Aut, organizzatrice dell’evento può usare tranquillamente le immagini e i video. I media e le associazioni devono citare obbligatoriamente la fonte.

 

Lettera di una ragazza musulmana indirizzata a LuccAut (Orlando 3)

Fiaccolata in memoria delle vittime della strage di Orlando – Lucca, 15 giugno 2016