Archivi tag: Attentato

Dacca, Bangladesh: l’attentato al quartiere Gulshan

Rassegna stampa

Foto di Gulshan

Gulshan Ave,Dhaka,Bangladesh


Claudio, Adele, Simona e le altre vittime dell’assalto di Dacca

Fonte: http://www.repubblica.it/esteri/2016/07/02/news/bangladesh_dacca_italiani-143266138/


Dhaka_ le parole sono fondamentali!

Fonte: http://www.invisiblearabs.com/2016/07/02/dhaka-le-parole-sono-fondamentali/


Il terrorismo alimenta il terrorismo. La sua radice deve essere affrontata con onestà, sincerità e coraggio.

Colpendo gente straniera i terroristi si sono assicurati una risonanza mediatica che non avrebbero avuto se avessero fatto strage solo di locali come solitamente accade nel Paese.

Attacchi alle minoranze religiose, indù, buddiste e cristiane. E adesso anche ai cittadini stranieri.

Bangladesh_ attacco a Dacca. Cittadini stranieri nel mirino

Fonte: http://agensir.it/mondo/2016/07/02/bangladesh-attacco-a-dacca-cittadini-stranieri-nel-mirino-sale-la-paura-delle-minoranze-religiose-del-paese/


La situazione è andata peggiorando nel corso dell’ultimo anno, è precipitata a settembre con l’uccisione di un cooperante italiano. Fino ad allora all’interno della comunità italiana non c’era paura, anzi. Sapevamo tutti che qui vigeva una sorta di razzismo al contrario: eri straniero quindi non saresti stato colpito dalla violenza generale. Questi due episodi hanno cambiato tutto, sono seguite delle forti ondate di rimpatri di parenti degli italiani che lavorano qui. Ora me ne aspetto una ancora più grossa.

Voi avete anche una scuola: avete anche studenti musulmani?
Certamente, il Paese è a maggioranza musulmana e la gran parte dei nostri studenti è di religione musulmana: diciamo, su 530 studenti, l’80%, a differenza degli insegnanti che sono quasi tutti cristiani. Ma attenzione, all’uomo della strada, al bengalese che incontri per strada, non interessa nulla che tu sia di un’altra religione, o  il fatto che tu sia straniero. A originare questi fatti sono influenze esterne, non si tratta di azioni naturali rispetto al clima che si respira normalmente qui. Poi non so dire se, come sostengono alcuni osservatori, ci sia dietro l’Arabia Saudita. Ma di certo le nuove scuole coraniche che hanno appena aperto non sono amichevoli, nei nostri confronti, e se provi ad andare a visitarle o a parlare con loro ti guardano male, a differenza di quanto è sempre successo con le vecchie scuole.

La verità è che quando giro per la città vedo ragazzi che non hanno alcuna possibilità, senza futuro, il livello generale d’istruzione è davvero basso, chi li vuole spingere verso forme di integralismo ha vita facile.

Padre Marangi_ «A Dacca il terrorismo ha influenze straniere, ma la povertà è terreno fertile»

Fonte: http://www.iodonna.it/attualita/storie-e-reportage/2016/07/02/strage-di-dacca-padre-marangi-a-dacca-il-terrorismo-ha-influenze-straniere-ma-la-poverta-e-terreno-fertile/


Di chi sono opera le uccisioni cui ho fatto cenno sopra?
Sembra che siano questi gruppetti che, messi al bando, hanno studiato una strategia di disturbo per creare disagio in campo internazionale e in campo interno. Primo obiettivo loro sarebbe il governo, da rovesciare a tutti i costi; ma non mancherebbe un obiettivo più ampio: darsi una legittimità come terroristi, in qualche modo mettendosi sotto l’ombrello dell’ISIS (e di Al Qaeda?), che vorrebbero far arrivare con il suo “califfato” anche in Bangladesh.

La strategia consiste nel colpire tutti i tipi di minoranze, per ora con uccisioni sporadiche; quale sarà il passo successivo è difficile dirlo. Hanno colpito dapprima agnostici e atei (o persone da loro classificate come tali), poi stranieri appartenenti a O.N.G. che si occupano di diritti umani e delle donne, hindu, sciiti, omosessuali dichiarati, ahmadyia, un prete cattolico e un pastore protestante, un cristiano convertito dall’islam, buddisti, anche musulmani sunniti (per lo più insegnanti) accusati di favorire la tradizione “baul”, poeti e cantastorie molto popolari, che esprimono una religiosità di tipo mistico e non settario. La scelta cade su persone conosciute e stimate nelle loro zone come buone, dialoganti.

Come va_ – Schegge di Bengala

Fonte: http://cagnasso.missionline.org/2016/05/24/come-va/


Dacca, commando ‘grazia’ studente musulmano ma lui rifiuta di lasciare amiche_ ucciso – Repubblica

Fonte: http://www.repubblica.it/esteri/2016/07/03/news/dacca_bangladesh_studente_storia-143341153/


 

13606510_10208775710624583_532534618470093958_n

Annunci