Per la prima volta, in Egitto, un medico sotto processo per mutilazioni genitali femminili

Mutilazioni genitali femminili. Per la prima volta, in Egitto, un medico sotto processo

E’ accusato di aver ucciso la tredicenne Sohair al-Bata’a, in seguito a un intervento di mutilazione genitale femminile. In Egitto la pratica è illegale dal 2008.

Mutilazioni genitali femminili. Per la prima volta, in Egitto, un medico sotto processo-M.F.- Oggi in Egitto, per la prima volta, si è aperto un processo a carico di un medico, Raslan Fadl, che nel giugno scorso causò la morte di una studentessa di 13 anni, Sohair al-Bata’a, mentre le praticava un intervento di mutilazione genitale femminile. Anche il padre della vittima, Mohamed al-Bata’a, è imputato nello stesso procedimento come complice.

La mutilazione genitale femminile è considerata dalla legge una pratica illegale dal 2008 in Egitto, ma ancora largamente accettata e diffusa, soprattutto nelle zone rurali del Paese.

I tipi di mutilazione sono diversi, si va dall’incisione all’asportazione – parziale o totale – dei genitali femminili esterni. Secondo dati Unicef ogni anno sono circa 3 milioni le ragazze sotto i 15 anni che vengono operate e nel mondo le donne mutilate sono 125 milioni.

Il medico, che si è sempre difeso dalle accuse a suo carico, negando le stesse praticando la circoncisione, ha spiegato che Sohair è morta per una reazione allergica alla penicillina. ”Quale circoncisione? Non c’è stata alcuna circoncisione. E’ tutto un complotto di questi cani”, ha detto il medico accusando gli attivisti per i diritti umani.
Ma la stessa nonna della 13enne ha ammesso che c’è stato un intervento di mutilazione genitale,  anche se ha contestato la decisione di portare il caso in tribunale. ”Era il suo destino – ha detto – Cosa possiamo fare? Lo ha deciso Dio”.

Stando ai dati diffusi dall’Unicef, in Egitto, il 91% delle donne sposate di età compresa tra i 15 e i 49 anni, è stato sottoposto a un intervento di mutilazione genitale femminile, il 72% ad opera di medici. La ricerca dimostra anche che il ricorso a tale pratica è in calo; se nel 1995 era l’85% delle ragazze ad essere sottoposte a questo tipo di intervento, nel 2008 si è scesi al 63%. Sono le zone rurali, dove il livello di istruzione è ancora basso, le aree dove le mutilazioni genitali femminili sono maggiormante praticate; la popolazione locale, infatti, sostiene che preservino le donne dall’adulterio – frenando il loro piacere sessuale, ma anche un rito di passaggio all’età adulta.

“Noi circoncidiamo tutte le nostre figlie, fa bene alle ragazze”, ha detto al Guardian Naga Shawky, casalinga di 40 anni che vive nello stesso villaggio dove viveva Sohair. “La legge non ci fermerà. Così hanno fatto i nostri nonni e così faremo noi”, ha aggiunto.

Per molti le mutilazioni genitali sono legate a preconcetti legati alla religione islamica, ma non è così, e infatti la pratica è seguita anche da alcune comunità cristiane; piuttosto è una questione culturale, come sostiene Suad Abu-Dayyeh, rappresentante regionale del gruppo per i diritti umani Equality Now. “In Sudan e in Egitto – dice –  la pratica è diffusa. Ma nella maggior parte dei Paesi arabi le persone non pensano sia una questione religiosa. C’è, infatti, una fatwa che vieta le mutilazioni genitali femminili”.

Questo processo, iniziato oggi e aggiornato al 19 giugno prossimo, potrebbe essere importante per cambiare il futuro di migliaia di bambine e ragazze in Egitto e nel mondo intero.

-22 maggio 2014-

Fonte: http://www.articolotre.com/2014/05/mutilazioni-genitali-femminili-per-la-prima-volta-in-egitto-un-medico-sotto-processo/


“E’ morta durante la mutilazione genitale” Primo processo a un medico in Egitto

“Questo caso può essere un tassello della messa al bando di questa pratica”, spiega Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia. Nel paese sono il 91% le donne mutilate, secondo l’opinione pubblica “per salvaguardare la loro integrità morale e sessuale”. Un fenomeno di origine tribale pre-islamico, contro il quale si è espressa anche la massima autorità sunnita di Al Azhar

In Egitto la legge esiste dal 2008 ma solo ora, a distanza di 6 anni, per la prima volta un medico è sotto processo per aver praticato una mutilazione genitale femminile. Il caso risale a giugno del 2013 quando Sohair al Bataa, studentessa di 13 anni residente in un villaggio del governatorato egiziano di Mansoura, è morta sotto i ferri mentre veniva mutilata. Il medico Raslam Fadl è ora sotto processo assieme al padre di Sohair, accusato di essere complice nella morte della figlia.

“Al Bataa aveva inizialmente denunciato alla polizia che sua figlia era morta durante un’operazione e che lui l’aveva accompagnata affinché venisse mutilata”, spiega a Ilfatto.it Reda el Danbouki, avvocato del Women’s Center for Guidance and Legal Awareness, una delle ONG che ha portato il caso in tribunale. Secondo quanto affermato da Danbouki, il padre ha ritrattato la sua versione al commissariato dopo aver ricevuto un’offerta di denaro da parte del medico. Il caso era stato poi archiviato con la motivazione che Sohair era deceduta a causa di una grave reazione allergica alla penicillina.

“Abbiamo chiesto al governo di avere la perizia forense”, spiega Suad Abu Dayeh, coordinatrice regionale per il Medio Oriente di Equality Now, altra ONG che ha svolto un ruolo chiave nell’incriminazione degli imputati. “Una volta accertato con la perizia che Sohair è morta mentre veniva mutilata, abbiamo ottenuto tramite diverse pressioni al Consiglio Nazionale per la Popolazione Egiziana l’istituzione di una commissione di inchiesta che è riuscita a far partire il processo”. La prima udienza si è svolta lo scorso maggio, la seconda si svolgerà il 19 giugno, nel tribunale del villaggio dove viveva Sohair. “L’attenzione dei media internazionali non è piaciuta agli abitanti del villaggio”, racconta El-Danbouki. “C’è una sorta di omertà che aleggia su questo fenomeno e soprattutto per la maggior parte dell’opinione pubblica le mutilazioni sono un dovere per salvaguardare l’integrità morale e sessuale delle donne”.

Secondo i dati forniti dalle Nazioni Unite, in Egitto le donne mutilate sono il 91%. I vari programmi messi in atto dalle organizzazioni internazionali, in primis, appunto, le Nazioni Unite, sembrano non riuscire a portare dei risultati concreti. Inoltre, le mutilazioni genitali femminili non sono una pratica legata all’Islam; si tratta, infatti, di una tradizione tribale pre-islamica originaria del Corno d’Africa e assente nel resto dei paesi a maggioranza musulmana. Nonostante la presa di distanza da parte della massima autorità sunnita di Al Azhar, che regolarmente diffonde anche degli opuscoli informativi spiegando che il Corano non obbliga le donne alla mutilazione, diversi sheick, in particolare nelle aree rurali, invitano a praticare la mutilazione. Anche il partito salafita dell’Hizb al Nour si è da sempre dichiarato a favore (lo scorso anno alcune donne vicine al partito scesero in piazza al Cairo difendendo il loro diritto a essere mutilate).

Ora questo processo potrebbe essere un piccolo mattoncino per implementare una legge approvata sotto la protezione dell’allora first lady Suzanne Mubarak ma che sino a oggi sembrava finita nel dimenticatoio. “Secondo questa legge gli imputati rischiano sino a 6 anni di carcere“, continua El-Danbouki. “Il testo avrebbe bisogno di molte modifiche ma questo processo almeno rappresenta un passo avanti per la sua applicazione”. A ritenere che il processo sia un punto per mettere al bando le mutilazioni c’è anche Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia. “Si spera che questo processo possa contribuire a mettere davvero al bando queste barbarie”, spiega Noury. “Ma temo che neanche la repressione sarà sufficiente a sradicarla. Se il governo del Cairo desse fiducia alle organizzazioni non governative, anziché ostracizzarle, a queste potrebbe essere affidato un ruolo di informazione e di educazione fondamentale per impedire che, soprattutto lontano dai centri urbani, ci si rivolga ancora allo ‘stregone del villaggio’ in rassicurante camice bianco per affidargli il compito di rispettare la ‘tradizione’”.

Font: http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/06/18/e-morta-durante-la-mutilazione-genitale-primo-processo-a-un-medico-in-egitto/1032044/

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...