Italiani a Vilnius per la shoah lituana. A Virtual Memorial Vilnius 2013

Stitched Panorama

Dettaglio di un documento in lituano (a sinistra)
tradotto che riporta i dati delle esecuzioni di massa.
Presso il Museo della Shoah di Vilnius.

di Ilaria Sabbatini e Erica Tuselli per Cuco 48

A Vilnius, Lituania, si è da poco conclusa la manifestazione A Virtual Memorial Vilnius 2013. Dal 23  al 29 settembre 2013, in occasione delle celebrazioni per il settantesimo anniversario della liquidazione del Ghetto di Vilnius, si sono succedute una serie di iniziative che hanno visto coinvolte diverse figure emergenti e già affermate del panorama artistico internazionale. Il festival, patrocinato dal Parlamento Europeo e organizzato dalla Shoah Film Collection, si è svolto presso il centro di cultura Ebraica di Vilnius ma ha coinvolto anche altri luoghi della città come la chiesa di Santa Caterina per il concerto di Arturas Bumsteinas & Wolumen Trio e il Vilnius Tolerance Center dove si è svolta la performance di Doron Polak, artista israeliano presente da tempo alla biennale di Venezia. Durante il Virtual memorial proiezioni di film, video, body performance e mostre di fotografia si sono alternati a letture e dibattiti che hanno previsto la presenza in videoconferenza di artisti da altri continenti. Il festival infatti ha presentato in anteprima alcune delle primissime opere sul genocidio in Cambogia della rinata generazione di artisti cambogiani come “The Survivor”, di Sopheak Sao e il film collettivo “Looking Back” curato dall’università di Phnom Penh. Dal 2 al 4 ottobre, presso il Museo Regionale di Kedainiai (ex sinagoga) si sono poi svolte ulteriori proiezioni con dibattiti e letture. L’evento, nato da un’idea di Wilfried Agricola de Cologne, ha visto la partnership del Vilnius Jewish Culture and Information Center, del Kedainiai Regional Museum, di artvideoKOELN international Cologne. L’Ambasciata d’Italia e l’istituto Italiano di Cultura di Vilnius hanno patrocinato l’iniziativa che ha visto la presenza di cinque artisti italiani invitati: Cristiano Berti, con il documentario “Lety”, che mostra il viaggio di due fratelli rom per prendere parte alla commemorazione delle vittime del campo di Lety; Paolo Bonfiglio, con il cortometraggio d’animazione “Mortale”, che ripercorre gli orrori della Shoah; Andrea Nervi ed Eleonora Beddini, con “Everything collapses and disintegrates around me”, che propone un sorprendente parallelismo tra la propaganda nazista sulle olimpiadi di Monaco e le riprese degli alleati nei lager; infine Marcantonio Lunardi, con l’opera di videoarte “No”, che osserva con occhi nuovi quelle dolci colline toscane che furono teatro dello sterminio nazista. L’inizio, il 23 settembre, ha coinciso con giorno della memoria delle vittime lituane della Shoah. Pochi lo sanno eppure la popolazione ebrea della Lituania e ha subito perdite gravissime, tra quelle percentualmente maggiori in Europa. Il festival è stato un’eccezionale occasione d’incontro tra artisti di varie nazionalità e culture che, sollecitati dagli stimoli emersi, hanno promesso ulteriori sviluppi e collaborazioni internazionali.

A questo link è possibile vedere l’intera collezione dei video del Virtual Memorial Vilnius 2013 http://sfc.engad.org/video/?cat=2

Per le foto delle opere http://sfc.engad.org/video/?cat=2

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...