Le botte, la denuncia, i media e i social networks

digital-media-treeLe immagini sono scioccanti, la storia anche. Eppure, rispetto alla vicenda De Cataldo, ciò che mi mi ha colpito è stato soprattutto l’aspetto della comunicazione nonché l’interazione tra i social networks e i giornali che ha provocato uno stupefacente effetto di amplificazione. Senza queste dinamiche il caso non avrebbe avuto, probabilmente, grande diffusione. Di certo la visibilità è anche legata al fatto che il personaggio è noto. Ho conosciuto un reporter che quotidianamente aggiorna il suo blog e il suo profilo FB con immagini dalla Siria, per lo più bambini feriti o uccisi, e non è che la cosa abbia fatto molto scalpore. A scanso di equivoci, in questo paragone non c’è sessun giudizio moralistico, nessuna intenzione colpevolizzante da parte mia: è solo un paragone, niente più. Non sono sicura, insomma, che se i protagonisti della vicenda De Cataldo fossero stati due signori nessuno, la cosa avrebbe avuto la stessa risonanza. O forse sì, viste le tinte forti della storia, ma mi permetto comunque di conservare i miei dubbi. Di certo non si possono saltare le tradizionali vie legali in casi di questo tipo ma, detto questo, la vicenda mi ha colpito non tanto per la scelta di Anna Laura Millacci bensì per la reazione dei media ufficiali. E’ normale che delle testatae nazionali affrontino una questione simile in questo modo? Voglio dire, mentre leggevo gli aggiornamenti di un’ora prima sul profilo FB della ragazza, li vedevo già pubblicati sulle pagine online dei quotidiani. Onestamente mi ha fatto impressione, molta impressione.  Prima di giudicare la scelta di un social network come metodo di denuncia, prima di giudicare la donna coinvolta, io sto ancora cercando di farmi un’idea delle implicazioni mediatiche del gesto di lei che, senza mediazione alcuna, ha messo a disposizione di tutti la sua storia venendo ripresa e amplificata fino a questo punto. Non voglio giudicare, non mi interessa né tanto né poco, voglio solo capire. E non voglio capire lei, compito che lascio volentieri ai sociologi e agli psicologi, dato che non mi sento né in diritto né all’altezza. Ma voglio capire, questo sì, tutta la girandola mediatica che si è messa in moto intorno alla sua brutta storia. Mi pare anzi che sia proprio questo il filone più interessante della vicenda, senza nulla togliere al tormento umano e alle questioni di genere. Ciò che oggi si è violentemente imposto all’attenzione di tutti è il tema dell’interazione tra i social networks, i media, l’opinione pubblica e la vicenda personale. Non che prima la questione non esistesse, anzi: mi pare presente da molto tempo nella nostra società. Ma la storia del cantante e dell’artista ha portato alla ribalta la questione dell’intreccio tra media e social networks con una evidenza tale da non poter essere più trascurata. In sostanza questo caso ha mostrato e dimostrato in modo dirompente i cambiamenti occorsi nella dinamica della comunicazione quale finora l’abbiamo conosciuta. E forse bisognerebbe finalmente porsi il problema di cosa sono diventati l’informazione e l’opinione pubblica nei tempi della comunicazione globale.

Ilaria Sabbatini

Annunci

Un pensiero su “Le botte, la denuncia, i media e i social networks

  1. Blanca

    Questo per me chiude il cerchio sul caso De Cataldo. Che c’entra? C’entra che la notizia delle fotografia della moglie non aveva avuto alcun risalto finché non è stata rilanciata da Selvaggia Lucarelli. Non è questione che la malmenata abbia fatto bene o male. Quello è lo specchieto per le allodole. La questione grossa è come viene gestita l’informazione, da chi e per quale scopo

    http://criticalmastra.corriere.it/2013/07/23/opinionisti-o-tronisti-lagenzia-di-cruciani-scanzi-lucarelli-facci/?fb_action_ids=10200943180455022&fb_action_types=og.recommends&fb_ref=.Ue5w03GwBL4.like&fb_source=other_multiline&action_object_map=%7B%2210200943180455022%22%3A607316642632600%7D&action_type_map=%7B%2210200943180455022%22%3A%22og.recommends%22%7D&action_ref_map=%7B%2210200943180455022%22%3A%22.Ue5w03GwBL4.like%22%7D

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...