Oddìo si ricomincia

9693_10151406114588083_784293957_nMa voi siete davvero così convinti di questo capodanno 2013? Io personalmente no. Sarà che sono stanca, ma oggi vorrei rimanere a letto a leggere e scrivere, con la gatta sui piedi e la coperta di pelliccia (sintetica) avvolta sulle spalle. Già la coperta, un regalo. Così com’è un regalo questa foto di John e Yoko con i loro fiori. Così come sono regali i libri scelti per me. Solo che spesso ci si dimentica di dire grazie e gli altri non sanno quanto bene ci fa ogni loro piccolo gesto gentile. Quest’anno è stato duro e non mi aspetto un anno migliore. Ma è stato anche un anno pieno di incontri, amici nuovi e vecchie conoscenze, persone riscoperte, rapporti consolidati oppure rinnovati. No, non è stato fortunato e neppure felice. Ho raggiunto degli obiettivi ma questo non mi basta. Ciò che più conta è che non sono stata sola, neanche nei momenti peggiori. C’è sempre stato qualcuno che per caso o per delicatezza mi ha telefonato, mi ha scritto, mi ha invitata al momento giusto. Mi manca mia madre. Mi manca la mia famiglia. Eppure ho capito una volta di più che quando si chiude una porta si apre un portone. Perché quando si chiude una porta diventa impossibile tornare indietro e non resta altro da fare che affrontare quello che abbiamo davanti: il cambiamento. Costi quel che costi. Questa foto dedicata da due cari amici siamo noi, Marco e Ilaria. E’ buffo scoprire di essere pensati così, ed è bello. E’ bello avere amici che hanno questa delicatezza. Potrei raccontare di altri amici che mi hanno coinvolta nella passione per un progetto. Che mi hanno aiutata o incoraggiata. Che mi hanno prestato le loro mani e i loro occhi quando io non ce la facevo più. Sono tante le persone grazie alle quali sono andata avanti, passo dopo passo, in un anno così difficile. Io non so se e quante persone ho arricchito quest’anno. Ma so che molte persone hanno arricchito me. Quindi vaffanculo a un pessimo 2012: l’unico augurio che mi pare sensato è di potersi ostinare a vivere e rinascere sempre.

Ilaria Sabbatini

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...